Testa•del•Serpente

"Rinunciare a tutto per salvare la testa" • Un blog di Miguel Cuartero Samperi

Archivio per il tag “Roma”

“Lo que Dios quiera, eso haré”. El camino de Chiara Maria desde el hospital al paraíso

chiaramaria2

La enfermedad y la muerte vivida desde la fe constituyen en el mundo de hoy uno de los principales testimonios que logran tocar los corazones y las conciencias. Muchos han hallado o recuperado la fe al ser testigos de historias como la de Chiara, una joven como cualquier otra que murió con 25 años tras varios años con cáncer. Pero su forma de vivir la enfermedad y su entrega total a Dios ha ayudado mucho a todo su entorno.

Pero esta historia trasciende ya a su parroquia romana pues el testimonio de Chiara ha quedado plasmado en un libro. No sólo aparece su historia de cómo se vive una enfermedad que lleva a la muerte cuando se está en plena juventud sino que también aparecen sus escritos más profundos, sus palabras a Dios. Miguel Cuartero Samperi ha traducido al castellano este testimonio publicado originariamente en la versión italiana de Aleteia y que le ofrecemos a continuación:

Roma – La mañana del 23 de abril de 2016 Dios llamó a Chiara Maria Bruno, una chica italiana de apenas 25 años. Al cabo de seis meses, el mismo día en que la Iglesia recuerda a los fieles difuntos, su padre Alfredo y su novio Stefano recuerdan, en un programa de televisión, aquellos días durante los cuales, con dolor y esperanza acompañaron a Chiara en su camino desde la cama del hospital Policlinico de Roma hasta el Paraíso.

Una enfermedad vivida en una comunidad parroquial
Junto a ellos también habló el padre Domink, sacerdote dominico polaco que acompaña la comunidad neocatecumenal donde Chiara Maria, desde su adolescencia, caminaba junto con cincuenta hermanos en la fe, en la parroquia romana de santa Francesca Cabrini.

Tras cinco años de estudios y análisis sobre unas extrañas manchas que aparecieron en su cuerpo, a los 24 años a Chiara se le diagnosticó un cáncer en la piel; decide entonces llevar aquella cruz, pesada e inesperada, con la ayuda de Dios.

img-20160528-wa0006Quimioterapias, dolores, sufrimientos…
Comienza aquí una serie interminable de quimioterapias, precisamente el 14 de septiembre, día de la Exaltación de la Santa Cruz. Sus amigos, familiares y hermanos de comunidad la recuerdan como una chica que “ha descubierto tener metástasis en el cerebro y sonríe, reza, confía y lucha”. Su funeral fue una fiesta, la celebración de una boda entre Chiara Maria y Dios; amigos y conocidos – llegados para despedirse de Chiara con cantos y oraciones – abarrotaron la iglesia y muchos quedaron fuera sin poder entrar.

Sobre esta historia se ha publicado un libro titulado Credere per Vedere (“Creer para ver”. Editorial ArabaFenice 2016, pp. 123, € 13,00), escrito por su amigo Massimiliano Giglio a los pocos días del funeral con el fin de grabar en la memoria aquél acontecimiento extraordinario del que ha sido espectador privilegiado y en el que ha sido posible ver “el cielo abierto” en los ojos de una chica normal, en la fe de una comunidad cristiana, en las oraciones de unos padres y hermanos, donde se ha experimentado la esperanza de una vida sin fin, capaz de sobrepasar la muerte corporal.

Portada del libro que cuenta el testimonio de Chiara

Portada del libro que cuenta el testimonio de Chiara

Un testimonio de fe que está ayudando a muchos
El autor – así como aquellos que participaron en la edición del libro con sugerencias, consejos y correcciones – está convencido de que el testimonio de esta joven mujer podrá ayudar a muchas personas, como le ha sucedido a él: “Hace solo cinco meses – cuenta en el libro – me encontraba en el infierno. El testimonio de Chiara y su manera de vivir la fe me han abierto los ojos y me han devuelto a la vida. Todo esto me ha hecho ver cuáles son las cosas importantes y experimentar que sin Dios no podemos hacer nada y que junto a Él no hay nada que no podamos hacer”.

El libro aparecen también algunas anotaciones escritas por Chiara Maria durante su última Pascua cuando, obligada a permanecer en el hospital y no pudiendo, por ello, celebrar la Vigilia Pascual con su comunidad, entregó al padre Domìnik unas breves reflexiones sobre cada lectura de la Vigilia, abriendo su corazón a la Palabra de Dios que ilumina la historia:

 “Mi miedo es morir alejada de Cristo”
Comentando la carta de San Pablo a los Romanos, Chiara Maria escribe. “El miedo más grande que tengo, no es el de morir, sino el de morir alejada de Cristo”.

img-20160511-wa0006

Chiara, en el hospital acompañada por su familia y amigos

¿Cómo es posible tener esta fe? ¿De donde puede venir la esperanza en la oscuridad que la muerte provoca? El apóstol san Pablo afirma que “si Cristo no ha resucitado, vana es nuestra predicación y vana también es nuestra fe; más todavía: resultamos unos falsos testigos de Dios…” (1Cor 15,14-15). La resurrección de Jesucristo representa el punto de inflexón de la historia del hombre, un vuelco en la comprensión de su vida: solo en el acontecimiento de la resurrección de Jesús el hombre puede hallar una respuesta a las preguntas que le plantean el sufrimiento y la muerte. Si Cristo no ha resucitado todo es vano, todo se derrumba, ninguna respuesta dulce y consoladora se les puede ofrecer a quienes sufren y mueren.

“¡Lo que Dios quiera, eso haré!”
Solo la fe en la resurrección de los muertos puede lograr que un hecho trágico como una terrible enfermedad que se ceba en una joven llena de vida y de sueños, pueda ser vivido en la paz, en comunión con los demás (la “comunión de los santos”) y con Dios, en la esperanza de la resurrección y de la Vida Eterna y no en la rebelión y en la exasperación. Sólo esto puede transformar el luto en una fiesta, la tristeza en alegría, la angustia en quietud: “A Chiara se le recordará por muchos y muchos años por esta razón: nunca nadie la ha escuchado maldecir a la historia, maldecir a Dios, maldecir el tumor, nunca nadie la ha visto intentar bajarse de la cruz”.

Éste es el extraordinario testimonio que nos ha dejado Chiara Maria, que murió diciendo que habría cumplido la voluntad de Dios, cualquiera que fuese: “¡Lo que Dios quiera, eso haré!”. Así – animando desde el lecho de su dolor a sus padres, familiares y amigos con la gracia que recibía del Cielo – nos ha mostrado de manera tangible que es posible subir a la cruz sin maldecir a Dios. Lo ha sido para ella, junto con su comunidad y también es posible para nosotros, si Dios nos lo pedirá y nos dará la fuerza.

Articulo publicado en Religion en Libertad

I Santi del confessionale a Roma per il Giubileo: san Pio e san Leopoldo

santi-pio-e-leopoldoSan Pio da Pietrelcina e san Leopoldo Mandic (santo Croato che riposa nel santuario dei Cappuccini a Padova) arrivano a Roma per volontà di Papa Francesco, in occasione del Giubileo Straordinario della Misericordia. Si tratta di due santi, appartenenti all’ordine francescano dei Frati Minori Cappuccini, che hanno dedicato la loro vita alla salvezza delle anime, in modo particolare attraverso il sacramento della riconciliazione.

L’arrivo dei resti dei due frati è uno degli eventi più attesi di questo Anno Giubilare, un evento che porterà a Roma migliaia di pellegrini italiani e stranieri.

Per l’occasione saranno rafforzate le misure di sicurezza nella capitale. Oltre alla no-fly zone, ai metal detector e alle unità cinofile, scenderanno in campo miglia di uomini delle forze dell’ordine e delle forze armate per garantire la sicurezza dei pellegrini e proteggere i preziosi sarcofaghi dei santi. Sono previste nove zone rosse, “compresi i tragitti della teca con le reliquie, e l’utilizzo di varchi e metal detector anche al di fuori del Vaticano. Solo fra mercoledì e venerdì infatti sono attese nella Capitale oltre 150mila persone, alle quali si aggiungeranno quelle in arrivo per la giornata di sabato, considerata da alta affluenza”.

Un furgone speciale dotato di una struttura particolare per attutire le vibrazioni ha condotto Padre Pio a Roma scortato in autostrada dalla polizia: una accoglienza degna di un grande capo di Stato. Sorprendente se si pensa che, durante la sua vita, il frate delle stimmati fu per molto tempo duramente contrastato da molti confratelli, dal proprio Vescovo e dalla Santa Sede che ha più volte inviato condanne e restrizioni negando l’origine soprannaturale delle stimmati e dei doni particolari del frate. Oggi padre Pio da Pietrelcina viene accolto col massimo onore proprio all’interno della Basilica Vaticana per esplicita richiesta del Sommo Pontefice come un dono speciale per la Chiesa in questo anno Giubilare.

San Leopoldo, conosciuto come il martire del confessionale e dell’ecumenismo spirituale. Ebbe per tutta la vita il desiderio di partire in missione in oriente per far tornare gli “scismatici” all’unica vera Chiesa, quella Cattolica; ma a causa del suo fisico (estremamente basso e balbuziente) e del suo stato di salute, in obbedienza ai suoi superiori, passò la sua vita dentro un confessionale (la celletta) accogliendo i peccatori e perdonando tutti nel nome di Dio. Recentemente è stato indicato da papa Francesco come il confessore ideale (“confessate come lui!”). Per questo delicato viaggio da Padova a Roma il santo è stato trasportato da una nuova ambulanza delle Croce Verde di Padova, intitolata proprio al santo padovano (fonte RomaSette).

Sarà soprattutto il Santo del Gargano – che gode di una fama straordinaria in Italia e nel mondo – a destare l’interesse, la curiosità e la devozione di migliaia di fedeli che si avvicineranno in questi giorni per onorare e pregare le sue reliquie nella Capitale.

In particolare fermento i fedeli della parrocchia romana di San Salvatore in Lauro. dove il corpo di Padre Pio arriverà dopo una breve sosta presso la Basilica di San Lorenzo al Verano. La chiesa di San Salvatore è centro di riferimento per i devoti di Padre Pio e i Gruppi di Preghiera da lui fondati attivi nel Lazio. Inoltre la Chiesa custodisce alcune importanti e preziose reliquie di Padre Pio come il mantello e il guanto. Il “mantello” di San Pio, che viene esposto alla devozione dei fedeli ogni 23 del mese dopo la celebrazione eucaristica.

Si attendono migliaia di persone per l’arrivo dei due santi cappuccini, apostoli del confessionale. Sul sito della parrocchia si legge che “Per permettere a tutti di assistere alla celebrazione presieduta dall’arcivescovo Fisichella in programma per le 22 del 4 febbraio saranno installati maxischermi e altoparlanti”.

padre-pio-libriVenerdì alle ore 16,00 partirà la processione che porterà Padre Pio e San Leopoldo alla Basilica di San Pietro dove si attende il passaggio di più di 50mila fedeli.

 

In occasione di questo grande evento, le edizioni Padre Pio, assieme alle edizioni San Paolo, hanno pubblicato un nuovo testo sul santo delle stimmati scritto dal giornalista Stefano Campanella e intitolato “La Misericordia in Padre Pio” (€ 14,90).Allo stesso tempo è stato presentato un nuovo DVD “Padre Pio. Costruttore di misericordia” un film documentario, prodotto dal Centro televisivo vaticano in collaborazione coi Frati minori Cappuccini. Il DVD sarà distribuito dalle riviste Famiglia Cristiana e Credere (Qui maggiori informazioni)

Ecco il programma con le diverse tappe, celebrazioni e appuntamenti:

 

Mercoledì 3 febbraio

BASILICA DI SAN LORENZO FUORI LE MURA

– ore 15,00: ARRIVO delle salme dei Santi presso la Basilica di San Lorenzo

– ore 18,00: EUCARISTIA presieduta dal Cardinale Vicario Agostino Vallini

Giovedì 4 febbraio:

– Ore 20,30: LITURGIA PENITENZIALE presieduta dall’arcivescovo Rino Fisichella

TRASFERIMENTO delle reliquie presso la parrocchia di San Salvatore in Lauro.

– Ore 22,00: EUCARISTIA presieduta da mons. Rino Fisichella

– A seguire: VEGLIA DI PREGHIERA animata dai Gruppi di Preghiera e dai Frati Cappuccini

Venerdì 5 febbraio

– Ore 14,00: EUCARISTIA presieduta da mons. Michele Castoro, arcivescovo di Manfredonia-Vieste-San Giovanni Rotondo

– TRASFERIMENTO delle reliquie a SAN PIETRO

Sabato 6 febbraio

– Ore 10,00 UDIENZA SPECIALE in PIAZZA S. PIETRO con Papa Francesco per i gruppi di preghiera di Padre Pio

Martedì 9 febbraio

– CELEBRAZIONE EUCARISTICA di Papa Francesco con i Frati Minori Cappuccinidi tutto il mondo.

 Giovedì 11febbraio

– PARTENZA delle reliquie da Roma: quelle di padre Pio faranno tappa a Pietrelcina e a Foggia; quelle di padre Leopoldo a Loreto e Bologna.

 

LINK UTILI

Chi sono San Pio e San Leopoldo?

QUI LA STORIA DI SAN LEOPOLDO MANDIC (nato a Castelnuovo il 12 maggio 1966)
QUI LA STORIA DI SAN PIO

 

Articolo pubblicato su Romagiornale.it

Attacco totale al Family Day (il giorno prima).

Un attacco informatico firmato “Anonymus Italia” ha imbastardito nella notte il sito web ufficiale del Family Day 2016. La mattina del 30 gennaio infatti, il sito familyday2016.it è apparso “hackerato”: presentava su sfondo nero la scritta “stop omofobia” assieme al motto obamiano “love is love”. Su Twitter, l’account di Anonymus ha rivendicato l’attacco notturno in nome della “libertà” twittando “The Freedom is life“, un motto che male si concilia con attacchi informatici che ledono la libertà di espressione di singoli o gruppi di persone.

UN CLIMA DI ODIO E DI VIOLENZA

Non si tratta di un attacco isolato ma di un gesto che si inserisce a pieno titolo nel clima di odio e di violenza che gli attivisti LGBT alimentano da diversi mesi contro le famiglie e le persone impegnate nell’ambito pro-life e a favore della famiglia naturale.

Marco Tosati su La Stampa lo denuncia chiaramente: “Un’azione che si inserisce nella linea delle aggressioni di ogni genere, dal verbale al fisico, compiute dagli attivisti LGBT nei confronti delle Sentinelle in Piedi in ogni parte d’Italia negli ultimi mesi e settimane”.

Le manifestazioni pacifiche e silenziose delle Sentinelle In Piedi, infatti, sono state infatti il banco di prova della tolleranza omosessualista. Attaccati verbalmente e fisicamente da disturbatori, le Sentinelle, da mesi riempiono le piazze italiane chiedendo solo il diritto di manifestare, in silenzio e con un libro in mano. Un diritto che, a quanto pare, non può essergli concesso. Ne abbiamo parlato in questi giorni denunciando il vergognoso episodio avvenuto a Brescia, dove una donna invalida è stata sbeffeggiata e umiliata mentre manifestava in piazza Vittoria con le Sentinelle in Piedi.

TUTTI CONTRO IL FAMILY DAY!

Il popolo della famiglia è accerchiato. In questi giorni, in vista della discussione del ddl Cirinnà, tutti i quotidiani nazionali hanno contribuito alla formazione dell’opinione pubblica invitando a riconoscere i diritti degli omosessuali (diritto al “matrimonio”, diritto alla “genitorialità”!) e a dipingere chi si oppone al disegno di legge come retrogrado, bigotto e reazionario.

Nei giorni scorsi anche l’agenzia Ansa si è inchinata alla causa LGBT schierandosi apertamente a favore delle Unioni Civili e aumentando i numeri della manifestazione #SvegliaItalia dando per buona la cifra comunicata dagli organizzatori (dati che i giornali e le agenzie di stampa prendono solitamente – e con ragione – con le pinze).

Ieri è stata la volta di Ikea che ha invitato i suoi clienti ad accorrere a “celebrare con un bacio l’idea di una famiglia aperta a tutti” perché “l’amore non ha bisogno di istruzioni”. La notizia ha entusiasmato la comunità omosessuale e il sito Gay.it ha definito l’iniziativa di Ikea “un pugno allo stomaco” per i manifestanti del 30 gennaio! Famiglie italiane dunque offese dal colosso svedese esplicitamente schierato contro il Family Day.

Anche il sito TvBlog si è impegnato pesantemente per attaccare il Family Day pubblicizzando e promuovendo programmi, reality e documentari collegati al mondo gay, come ad esempio il nuovo programma di Real Tv “Di fatto coppie” specificando – scrive TvBlog – che si oppone alle “ipocrisie da Family Day”. Parole violente che creano una netta divisione tra il bene e il male, tra i “retrogradi” e “ipocriti” e l’amore vero, libero, passionale e divertente dei gay.

UN ATTACCO TOTALE DALLA TV AI SOCIAL

L’attacco è molteplice e non si ferma agli orecchini arcobaleno (di pessimo gusto) di Barbara D’Urso, all’esagerato spazio mediato concesso alle intime esternazioni sulle preferenze sessuali di Giulia Latorre (la figlia del marò italiano arrestato in India) e ai talk show sbilanciati in maniera plateale a favore delle Unioni Civili (ad esempio su Matrix di Canale 5 dove il solo Mario Adinolfi assieme a Giovanni Toti hanno cercato di difendersi da una platea di invitati pro matrimoni-gay). Su Twitter e Facebook le accuse, gli insulti e le minaccie sono all’ordine del giorno sugli account dei pro-life. Ne sa qualcosa lo stesso Mario Adinolfi, fondatore del quotidiano La Croce che ogni giorno riceve insulti pesanti e volgari verso la sua persona e la sua famiglia. Oggi tocca a Don Salvatore Lazzara reo di aver pubblicato un articolo su La Stampa a sostegno del Family Day: il giorno dopo il suo commento sul giornale torinese, il suo account Twitter è stato invaso di insulti e accuse da parte dei militanti LGBT.

ATTACCO ALLA CHIESA CATTOLICA… NEL NOME DI FRANCESCO!

Molti vescovi italiani si sono detti favorevoli al Family Day appoggiando in modo chiaro la manifestazione e invitando i fedeli a riempire la piazza. Un atteggiamento diverso da quello adottato dalla CEI nel 2015 quando la Chiesa preferì non aderire alla manifestazione del 20 giugno provocando non poca delusione tra i cattolici in piazza.

Questa volta, però, molti vescovi appoggiano la causa e lo stesso Francesco ha ribadito che “non può esserci confusione tra la famiglia voluta da Dio e ogni altro tipo di unione”. Nonostante questo, però, molti giornali laici (o laicisti) contestano il Family Day invocando proprio papa Francesco, interpretando il suo atteggiamento di apertura verso tutti gli uomini (di ogni fede e peccatori di ogni sorta) come una benedizione verso le unioni omosessuali.

Il Fatto Quotidiano, ad esempio, interpretando le posizioni del Sommo Pontefice come una apertura ai gay invoca – utilizzando quindi in maniera strumentale lo stesso Papa e i vescovi – una Chiesa “matura” che “apra gli occhi” e stia al passo coi tempi. Accuse pesanti in un paese dove la libertà di religione e di culto sono (ancora) tutelate dalla Costituzione e dove ogni cittadino dovrebbe essere libero di esercitare libertà di culto e di espressione.

Intanto il Circo Massimo si riempie di famiglie e di bambini…

Articolo pubblicato su Romagiornale.it

Family Day: i Vescovi italiani contro le Unioni Civili.

vescovi italiani fmaily dayA pochi giorni dalla grande manifestazione prevista per il 30 gennaio al Circo Massimo, si alza la voce di alcuni vescovi italiani disposti a non lasciare sole le famiglie contro la proposta di legge sulle Unioni Civili, le adozioni omosessuali e l’utero in affitto. Il cambio di rotta rispetto alla manifestazione dello scorso anno e all’atteggiamento meno intransigente e più aperturista del segretario della CEI Nunzio Galantino, è stato dettato dal cardinale Angelo Bagnasco che ha manifestato pubblicamente il pieno sostegno al Family Day incoraggiando le famiglie a prendervi parte. Parlando della famiglia ai componenti del Tribunale Apostolico della Sacra Rota, venerdì 22 gennaio, Papa Francesco ha ribadito che: “non può esserci confusione tra la famiglia voluta da Dio e ogni altro tipo di unione”. Un’affermazione che, in vista del Family Day, ha senza dubbio incoraggiato le famiglie che prenderanno parte alla manifestazione. Anche TV2000, l’emittente televisiva della CEI, trasmetterà in diretta l’incontro del 30 gennaio come affermato dal direttore Paolo Ruffini in questi giorni.

E’ evidente che non tutti i vescovi italiani condividono l’approccio e la modalità della protesta, altri restano in timoroso silenzio per paura di contraddire l’atteggiamento di dialogo e di apertura fortemente voluto da papa Francesco (vedasi cardinali e vescovi di rilievo come Forte, Ravasi, Vallini, Comastri, Paglia…) . Ma a fronte di scenari che dipingano divisioni e litigi interni alla CEI, il cardinale Bagnasco ha assicurato in questi giorni che i vescovi italiani sono uniti nel difendere la famiglia: “I vescovi italiani, tutti, insieme al loro presidente ed al segretario generale, sono uniti e compatti nel difendere, promuovere e sostenere il patrimonio universale irripetibile che è la famiglia, grembo della vita, prima scuola di umanità, di relazioni, di dialogo”.

Intervistato dal quotidiano Il Foglio, l’arcivescovo di Trieste mons. Crepaldi ha spiegato che a manifestare saranno i laici perché “i vescovi non scendono in piazza”. “E’ pur vero – continua Crepaldi – che alcuni vescovi sembrano contrari a manifestazioni di questo tipo, ma il motivo è pastorale: si ritiene che la fede cristiana non dovrebbe alimentare contrapposizioni, conflitti, prove di forza, ma dovrebbe animare il dialogo. Senza nulla togliere alla validità di queste preoccupazioni, ritengo che le forme di presenza dei cattolici nella società possano essere varie”.

Ecco alcuni cardinali e vescovi che, in questi giorni, hanno manifestato pubblicamente il loro appoggio alla causa della famiglia.

MONS. BAGNASCO: “MANIFESTAZIONE NECESSARIA, GOVERNO DISTRATTO”

L’arcivescovo di Genova e Presidente della Conferenza Episcopale Italiana, il cardinale Angelo Bagnasco ha parlato di una “manifestazione condivisibile e necessaria”. Secondo il porporato, le unioni civili non sono una priorità e il progetto di legge denota la “distrazione del governo” dai veri problemi degli italiani. Sul Ddl Cirinnà ha affermato che “Ci sono diverse considerazioni da fare ma la più importante è che mi sembra una grande distrazione da parte del Parlamento rispetto ai veri problemi dell’Italia: creare posti di lavoro, dare sicurezza sociale, ristabilire il welfare”. Sostegno alle parole del cardinale arrivano dalla diocesi di Bologna dove governa il neo eletto vescovo mons. Matteo Zuppi, così come dal vescovo di Campobasso mons. Giancarlo Bregantini.

MONS. RUINI: “LEGGE INAMMISSIBILE: TACERE E’ SVILIRE IL VANGELO!”

Il cardinale Camillo Ruini, ex vicario di Roma e protagonista del Family Day del 2007 che fermò la proposta di legge dei DICO del governo Prodi, torna in campo contro le Unioni Civili e a difesa della famiglia naturale con un’intervista pubblicata su La Repubblica. Interrogato sul Ddl Cirinnà risponde: “Sarebbe molto meglio che un disegno di legge di questo tipo non arrivasse in senato o comunque non fosse approvato”. Parole dure ma chiare che manifestano la ferma posizione di quello che fu braccio destro di Giovanni Paolo II per la città di Roma. Per gli omosessuali – continua Ruini – il governo riconosca diritti individuali ma non quelli della coppia in modo da equipararla all’istituto matrimoniale: “Non vedo come possa esistere un matrimonio, o un simil- matrimonio, tra due persone che unendosi non possono procreare e come si possa negare a un bambino il diritto di avere un padre e una madre”. Incalzato dal giornalista Rodari, Ruini risponde magistralmente all’accusa mossa al Family Day di “atteggiamento poco evangelico”: “Non posso che respingere con fermezza la tesi che impegnarsi pubblicamente su una questione di questo genere sia lontano dal Vangelo”. E ancora: “Forse lei teme che ciò renda più difficile l’evangelizzazione, ma se questo timore porta i cristiani a tacere sulle cose concrete della vita è il Vangelo stesso a diventare insignificante”. Infine, in perfetta sintonia col cardinale Bagnasco, affonda: “è un atteggiamento molto lontano dalle esigenze reali di un Paese attanagliato dalla crisi delle nascite”

MONS. CREPALDI: “UNIONI CIVILI INACCETTABILI, I CITTADINI RESPONSABILI SCENDANO IN PIAZZA!”

“Se il ddl Cirinnà fosse approvato così com’è, le conseguenze sarebbero enormi. Ma anche senza stepchild adoption, la norma resta inaccettabile”. Così l’arcivescovo di Trieste mons. Giampaolo Crepaldi fondatore dell’Osservatorio internazionale “Cardinale Van Thuán” sulla dottrina sociale della Chiesa. Certo dell’epocale importanza dell’impegno dei cristiani in politica, mons. Crepaldi ha affermato che chi manifesta pubblicamente contro una legge ingiusta “esercita il proprio dovere di cittadino responsabile”. Secondo l’arcivescovo di Trieste, “il ddl Cirinnà equipara in tutto le unioni civili e il matrimonio tra un uomo e una donna” e, così facendo,  ”muterà sostanzialmente il concetto di matrimonio”. Approvare le Unioni Civili rappresenterebbe “un precedente importante per l’approvazione dei disegni di legge Scalfarotto e Fedeli” (sul delitto di omofobia e sul gender nelle scuole). Queste leggi stravolgerebbero la nostra società e la nostra cultura che “non sarebbero più la stesse” e “purtroppo – a aggiunto – saranno di gran lunga peggiori”, nonostante oggi ci sia quella tendenza – con parole di Maritain – a inginocchiarsi “al nuovo in quanto nuovo”, malati, come siamo, di “cronolatria”.

MONS. MAZZOCATO: CONTRIBUTO ECONOMICO PER I FEDELI FRIULANI IN VIAGGIO VERSO IL FAMILY DAY

Arcivescovo della Diocesi di Udine dal 2009, mons. Andrea Bruno Mazzocato si è più volte espresso in maniera ferma e chiara a favore della famiglia contro le derive ideologiche e alle pressioni culturali, fiscali e politiche a cui è sottoposta. Questa volta mons Mazzocato ha parlato attraverso don Alessio Geretti, direttore dell’Ufficio Diocesano per la Catechesi e Delegato Episcopale per la Cultura dell’Arcidiocesi di Udine. Il sacerdote friulano ha scritto una preziosa lettera ai suoi fedeliassicurando di essere “in piena sintonia col nostro arcivescovo”. L’invito è chiaro: non farsi spaventare dalla distanza e dalle difficoltà economiche e partecipare numerosi al Family Day del 30 gennaio: “Per la posta in gioco in questo momento, ognuno di noi faccia tutto il possibile per partecipare a questa manifestazione e per portarvi il massimo numero di persone” al fine di “lanciare all’Italia e al suo Parlamento un appello appassionato, chiaro, pubblico e politicamente rilevante”. Il Ddl Cirinnà – continua – è una legge incivile e inaccettabile “che permetta di trattare la persona umana non come fine ma come mezzo” promuovendo “abominevole pratica dell’utero in affitto” che usa le donne per la fecondazione e la gestazione per dare vita a figli “resi artificialmente orfani di madre vivente”. A questo riguardo la Chiesa deve prendere posizione “ha il dovere di insegnare (almeno ai credenti) a custodire e promuovere il bene, a detestare le bugie, a essere giusti verso chi non ha voce”. L’invito è dunque quello di “partecipare numerosi” il 30 gennaio, lo stesso arcivescovo, di afferma nella lettera, contribuirà economicamente per “abbattere le spese dei pullman” di fedeli che si organizzeranno per scendere a Roma”.

MONS BASSETTI: “FATE TESORO DI QUESTO COMUNICATO, LA FAMIGLIA CI STA A CUORE”

L’arcivescovo di Perugia mons. Gualtiero Bassetti ha recentemente espresso il pieno appoggio alla causa della famiglia e all’operato del Comitato “Difendiamo i nostri Figli”. Il 18 gennaio, a conclusione della Messa in Cattedrale, mons. Bassetti ha invitato i fedeli a partecipare alla manifestazione del 30 gennaio leggendo il comunicato ufficiale del Comitato. Alla fine della lettura ha espresso il sostegno a nome dei vescovi dell’Umbria e suggerito ai fedeli: ”Fate tesoro di questo comunicato perché il bene della famiglia ci sta veramente a tutti tanto a cuore”. La Conferenza Episcopale Umbra ha ufficializzato il sostegno all’iniziativa: “Andremo a dire che cosa crediamo: la visione della famiglia secondo la Costituzione italiana ed i principi dell’antropologia e dell’etica cristiana”. ”Sono invitate le realtà ecclesiali e anche gli uomini e le donne di buona volontà che si sentono di condividere questo gesto: cristiani delle diverse confessioni, appartenenti ad altre religioni e anche non credenti”.

MONS. NOSIGLIA E I VESCOVI PIEMONTESI: “RACCOMANDIAMO UN’AMPIA PARTECIPAZIONE AL FAMILY DAY”

Anche la Conferenza Episcopale Piemontese e Valle d’Aosta ha espresso tramite un comunicato ufficiale l’adesione alla manifestazioneraccomandando “un’ampia partecipazione al Family day del prossimo 30 gennaio a Roma”. Il comunicato – firmato dal presidente della CEP l’arcivescovo di Torino, mons. Nosiglia – ribadisce il concetto di matrimonio e famiglia così come è inteso dal diritto naturale e dalla tradizione della Chiesa Cattolica: “La famiglia è fondata sul matrimonio, unione d’amore vissuta stabilmente tra donna e uomo, aperta alla gioia responsabile del dono dei figli. I figli – sottolineano i vescovi – devono beneficiare dell’amore operosamente efficace di un padre e di una madre. Gli adulti non possono e non devono trasformare desideri in diritti e imporre al minore ciò che ritengono bello e giusto per se stessi”. In merito alle unioni omosessuali, i vescovi piemontesi ribadiscono che “non possono essere equiparate al matrimonio e alla famiglia” pur richiedendo una regolamentazione giuridica che ne stabilisca i diritti e i doveri.

MONS. NEGRI: “MASSIMO IMPEGNO E GENEROSITA’ PER IL FAMILY DAY”

Il vescovo di Ferrara-Comacchio mons. Luigi Negri, già grande sostenitore della manifestazione dello scorso anno in piazza San Giovanni (“una cosa grande per la vita della Chiesa italiana e per la vita del popolo italiano!”), ha ribadito il suo impegno a favore del nuovo Family Day. Tramite una lettera aperta pubblicata sul suo sito ufficiale (Messaggio di invito a partecipare alla manifestazione pro-famiglia), Mons. Negri ha invitato i fedeli ad “essere generosi” ed a partecipare all’evento del 30 gennaio come “un gesto importante di carattere ecclesiale e sociale”. “Sono molto lieto – scrive il vescovo di Ferrara – per le indicazioni date dalla Conferenza Episcopale Italiana, attraverso il Cardinale Angelo Bagnasco, che vanno nella direzione dell’incoraggiamento a partecipare all’iniziativa programmata per il prossimo 30 gennaio a Roma”. “La famiglia, così attaccata e devastata da una mentalità consumista e tecnoscientifica, è un’immensa periferia e noi vogliamo addentrarci in questa periferia”. “Invito a considerare e ad assecondare questa iniziativa con il massimo dell’impegno e della generosità”. Quello che si riunirà a Roma sarà “il volto genuino del popolo cristiano preoccupato del bene comune della società”

Articolo pubblicato su Romagiornale.it

Prima nomina episcopale per un sacerdote del seminario Redemptoris Mater di Roma

vilaE’ la prima volta uno presbitero formato nel seminario diocesano Redemptoris Mater di Roma, (uno dei quattro seminari della diocesi), viene nominato vescovo. E’ successo a don Héctor Vila (foto), già rettore del seminario Redemptoris Mater di Toronto, recentemente nominato da papa Francesco vescovo della diocesi di Whitehorse, nel nord-ovest del Canada, al confine con l’Alaska.

“Sono grato a papa Francesco per la fiducia che ha riposto su di me” ha affermato mons. Vila a The Catholic Register. “Mi sento onorato con questa nuova chiamata sapendo che Dio ha un piano e mi guiderà nel suo cammino. Non vedo l’ora di iniziare questa nuova missione…”. Il vescovo di Toronto, il cardinale Thomas Collins, ha invitato “tutti i fedeli, specialmente i membri del Cammino Neocatecumenale” a pregare per il nuovo vescovo, che ha definito “un presbitero santo e fedele”.

La diocesi di Whitehorse (che comprende il territorio dello Yukon e il nord della regione British Columbia) ha acquistato lo status di diocesi dal 1967 essendo fino a quel momento un territorio di missione, col titolo di Vicariato Apostolico (dal 1944). Le prime missioni nel territorio furono affidate ai Missionari Oblati di Maria Immacolata e ai Gesuiti, sotto la guida della Santa Sede. Attualmente la diocesi conta con 22 parrocchie per circa 8150 fedeli (su una popolazione di 42.150 persone). Nel territorio esercitano il loro ministero sette sacerdoti diocesani e tre religiosi (dati forniti dalla Canadian Conference of  Catholic Bishops). Sede vescovile è la città di Whitehorse, dove si trova la cattedrale del Sacro Cuore.

E’ qui che dovrà trasferirsi per volere del Papa, don Héctor che nel 1989 entrò nel collegio di via della Maglianella per intraprendere gli studi di filosofia alla Pontificia Università Gregoriana. Dopo aver completato gli studi di teologia, il 14 maggio 1995 fu ordinato sacerdote dal Papa san Giovanni Paolo II nella Basilica di san Pietro. I fedeli delle parrocchie romane di sant’Ireneo e di san Patrizio lo ricordano come un giovane prete alle prime armi col ministero sacerdotale. Oggi, dopo diversi anni da rettore del seminario di Toronto, è chiamato alla guida di una giovane e grande diocesi del nord America.

I Redemptoris Mater sono seminari diocesani missionari nati per volere di Giovanni Paolo II sotto l’ispirazione degli iniziatori del Cammino Neocatecumenale, Francisco Argüello e Carmen Hernández. Il primo seminario di questo tipo fu eretto ufficialmente a Roma nel 1988 (dopo una prima esperienza avviata in Perù). Attualmente sono presenti in più di cento nazioni dei cinque continenti. La particolarità di questi seminari internazionali (gli studenti provengono da diversi paesi del mondo) è la formazione dei seminaristi all’interno di una comunità neocatecumenale e la missionarietà dei sacerdoti, disposti ad essere inviati in missione in qualunque parte del mondo dove sia necessario (secondo le indicazioni del Concilio Vaticano II in Presbyterorum Ordinis, n° 10)

Il 18 marzo 2004 papa Giovanni Paolo II, incontrando i formatori e i seminaristi del Seminario Redemptoris Mater di Roma in udienza privata nella Sala Clementina, salutò quella che definì “una esperienza nuova e significativa” capace di generare “abbondanti frutti di bene”.

Sono trascorsi ormai più di sedici anni dall’avvio del vostro Seminario, che ha rappresentato una esperienza nuova e assai significativa, in vista della formazione di presbiteri per la nuova evangelizzazione. Da allora sono sorti nel mondo vari altri Seminari “Redemptoris Mater”, che si ispirano al vostro modello e condividono le vostre finalità.

Particolarmente abbondanti sono i frutti di bene prodotti nel corso di questi anni dal vostro Seminario. Per essi rendo grazie con voi al Signore. Per i medesimi frutti desidero inoltre ringraziare il Cammino Neocatecumenale, nel quale sono nate e cresciute le vostre vocazioni.

Non è la prima volta che un sacerdote formato in un seminario Redemptoris Mater viene nominato vescovo. Era già successo, ad esempio, in Perù a don Javier del Rio (nato a Lima nel 1957 e formato nel seminario di El Callao): nel 2004 fu nominato da papa Giovanni Paolo II, vescovo ausiliare della diocesi di El Callao e poi, nel 2006 da Benedetto XVI, arcivescovo di Arequipa (Perù).

Anche il seminario Redemptoris Mater di Newark (nel New Jersey) ha visto recentemente un suo ex alunno diventare vescovo. E’ il caso del sacerdote maltese Peter Baldacchino che nel 2014 è stato nominato vescovo ausiliare di Miami.

Questo il testo della notizia comparsa sul bollettino della Santa Sede del 27 novembre 2015 con una breve biografia del nuovo vescovo di Whitehorse:

Il Santo Padre Francesco ha nominato Vescovo della diocesi di Whitehorse (Canada) il Rev.do Héctor Vila, Rettore del Seminario Redemptoris Mater di Toronto.

Héctor Vila è nato a Lima (Perú) il 17 settembre 1962. A Lima ha compiuto gli studi primari e buona parte di quelli secondari. All’età di 17 anni, nel 1979, insieme al padre è emigrato in Canada, dove ha concluso gli studi secondari presso l’Emery Collegiate Institute di Toronto. Successivamente ha intrapreso gli studi Universitari di ingegneria meccanica presso il George Brown College di Toronto, conseguendo il diploma nel 1986. E’ quindi assunto come assistente presso la Missal Toolimg Ltd.

Nel 1987, ha iniziato a frequentare il Cammino Neocatecumenale e un anno dopo ha intrapreso gli studi di Filosofia e Teologia presso la University of Toronto, completati, poi, presso il Seminario Redemptoris Mater di Roma (1989-1995).

È stato ordinato sacerdote il 14 maggio 1995 da Papa San Giovanni Paolo II ed incardinato a Roma. Dopo l’ordinazione, ha svolto i seguenti incarichi pastorali e amministrativi: 1995-1998: Ministero pastorale presso le parrocchie romane di S. Ireneo e di S. Patrizio; 1999: per alcuni mesi Amministratore della parrocchia St. Norbert di Toronto; dal 2000: Rettore del Seminario Redemptoris Mater di Toronto.

hectorvila

Navigazione articolo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: