Testa•del•Serpente

"Rinunciare a tutto per salvare la testa" •

Archivio per la categoria “Uncategorized”

Giuseppe Cottone (Pino): una vida entregada por el Evangelio en Ecuador

La muerte del catequista Pino Cottone, a un año de haberse despedido de su esposa Pina, ha conmocionado el Ecuador donde este matrimonio ha evangelizado por más de cuarenta años como responsables del Camino Neocatecumenal. Publicamos una nota de prensa llegada del Ecuador.

Durante los últimos tres días, miles de personas de todas las regiones del Ecuador han querido dar su último adiós a Giuseppe Cottone, “Pino”, en unos funerales llenos de fe, de emoción y de agradecimiento por toda una vida entregada al anuncio del amor de Dios, en su retorno a la casa del Padre Celestial.

Continua a leggere…

La dura vita degli intellettuali di sinistra: “Noi raffinati intellettuali, voi rozzi trogloditi”

La morale di Corrado Augias esplicita ciò che sentiamo dire da anni sui giornali. Chi vota a destra lo fa per rispondere a un istinto animale. Chi vota a sinistra è superiore: è dotato di “conoscenza” e “nobile altruismo”. Ma è un nuovo autogoal della sinistra, sempre più anti-populista e im-popolare.

«Essere di sinistra è difficile». Lo ha affermato Corrado Augias a “Di Martedi”, programma di Giovanni Floris su La7, in dialogo con il deputato Pierluigi Bersani.

Al contrario, essere di destra «è facile» ha affermato il noto conduttore. Perché «Vuol dire andare incontro alle spinte istintive, che quasi tutti hanno. E che vengono invece moderate, e indirizzate magari meglio, dal ragionamento, dalla conoscenza degli argomenti, da un senso nobile di altruismo… Essere di sinistra è più difficile. La sinistra gioca su un terreno dove la conoscenza degli argomenti è fondamentale. Quelli di destra dicono, a me gli immigrati mi fanno schifo. Fine del discorso».

Continua a leggere…

Pachamama: dall’America a Roma, passando per l’Inghilterra. Le origini pagane del culto alla Madre Terra

Nelle ultime settimane si è molto parlato e discusso a proposito della cosiddetta “Pachamama”, la “Madre Terra”, venerata e adorata dai popoli dell’Amazzonia. Si è discusso se le immagini di legno raffiguranti una donna gravida portate a Roma in l’occasione del Sinodo dell’Amazzonia da una delegazione indigena, rappresentino la stessa “Pachamama”, la vita, la maternità o – addirittura – la Vergine Maria raffigurata coi tratti somatici e coi costumi tipici di una donna india. Le discussioni (a suon di articoli e di proclami ufficiali non sempre allineati, spesso contraddittori) si sono accese dopo il controverso episodio del “ratto delle pachamamas” condannato fermamente da Papa Francesco che ha chiesto perdono a chi si fosse sentito offeso dall’oltraggio inflitto alle statue amazzoniche. A difesa della tradizione e della venerazione della Madre Tierra, sono intervenuti giornalisti e teologi, alcuni chiamando in causa il santo inglese John Henry Newman, altri parlando di inculturazione di simboli pagani e riconducendosi dunque agli albori del cristianesimo o alle esperienze dei primi missionari in terre asiatiche o africane.

Continua a leggere…

Cosa leggono i nostri figli? Addio ai classici: ecco i romanzi che de-formano i giovani (di M. Sanmartin Fenollera)

Materialismo e spiritualismo emotivo e relativista sono i due ingredienti principali della nuova letteratura per ragazzi. Una proposta editoriale che dimentica sempre di più i classici per imporre modelli ideologici e affrettare un l’ingresso dei più giovani nell’età adulta, ne parla Miguel Sanmartin Fenollera in un articolo che traduciamo in italiano

Miguel Sanmartin Fenollera vive a Madrid e si presenta così: «Sono cattolico, sposato e padre di due figlie, giurista di formazione, scrittore per vocazione». Dal 2013 cura un blog dedicato alle letture giovanili intitolato «De libros, padre e hijos» (“Su libri, genitori e figli”). Il blog si propone di accompagnare i genitori in quella che considera una straordinaria avventura: l’educazione dei figli. I suoi articoli pretendono «accompagnare i genitori nella avventura di dare ai propri figli, attraverso i libri, le basi di una educazione estetica e morale che li accompagni sempre come una solida colonna sulla quale appoggiarsi per tutta la vita». «Da sempre, i figli hanno avuto bisogno dei genitori e anche oggi è così. A nessuno sfugge il fatto che la paternità è una missione piena di difficoltà, che richiede combattimento, sacrificio, perseveranza e coraggio. Non è roba per persone deboli o pusillanimi. Ma è anzitutto una avventura appassionante e piena di grandezza».

Continua a leggere…

Navigazione articolo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: