Testa•del•Serpente

"Rinunciare a tutto per salvare la testa" •

Archivio per il tag “papa francesco”

L’innocenza di padre Molina. Il Vaticano lo condanna per abusi, ma dopo tre anni emerge la verità: solo calunnie!

Ieri su La Nuova Bussola Quotidiana veniva pubblicato un mio articolo sul caso di don José Antonio Molina, sacerdote diocesano missionario della diocesi di San Salvador. Ripropongo su questo mio blog, l’articolo integrale con un commento personale.

Il primo novembre del 2016, il sacerdote salvadoregno José Antonio Molina fu convocato all’arcivescovato di San Salvador per rendere nota la decisione di papa Francesco di sospensione ad divinis per reato di pedofilia. Assieme a lui, altri due sacerdoti diocesani furono condannati dal Vaticano e ridotti allo stato laicale (provvedimento che comporta la perdita definitiva di tutte le prerogative dello stato sacerdotale). Ma, a distanza di tre anni, anni di sofferenze, di umiliazione e di dolore per il giovane sacerdote e per la sua famiglia, la verità è venuta finalmente a galla. Un tribunale civile ha decretato l’innocenza di padre Antonio Molina grazie alla confessione dell’accusatore che ha ammesso di aver infangato l’onore del sacerdote: «erano solo calunnie». Un caso che ha del paradossale se si pensa che si tratta di un sacerdote condannato dalla stessa Chiesa ma dichiarato innocente dallo Stato [Del caso si sono interessati ampiamente i media locali, segnaliamo in modo particolare la dettagliata inchiesta dell’inserto “Septimo Sentido” del giornale locale “La prensa grafica”].

Continua a leggere…

Viva la revolución! Le Scienze Sociali al posto della Teologia Morale. Così crolla un baluardo dell’insegnamento morale della Chiesa Cattolica

Difficile da credere (perché ha dell’in-credibile), la notizia del repentino allontanamento dei professori mons. Livio Melina e padre José Noriega dall’Istituto Giovanni Paolo II. Purtroppo non sembra che si tratti di un “fuoco di Paglia”, difatti la notizia è stata confermata da fonti interne all’Istituto e vicine a mons. Melina. E non ci si aspettano di certo spiegazioni ufficiali da parte dei mandatari, visto che, ultimamente, epurazioni eccellenti e nomine inaspettate ai piani alti del Vaticano, non hanno meritato spiegazioni di sorta per chi – perplesso – si domandava il senso di tali scelte.

Il Pontificio Istituto Giovanni Paolo II, dedicato agli studi su matrimonio e famiglia, è stato fondato nel 1982 per volere di Giovanni Paolo II in seguito al Sinodo dei Vescovi del 1980 sulla famiglia e alla pubblicazione dell’Esortazione Apostolica Familiaris Consortio (1981). Il papa polacco affidò l’Istituto alla guida del compianto cardinale Cafarra (foto). I primi due presidi dell’Istituto, Carlo Caffarra (1981-1985) e Angelo Scola (1995-2002), sono entrambi divenuti in seguito cardinali.

Continua a leggere…

“Non sparlare degli altri!” il libro che papa Francesco ha regalato ai dipendenti vaticani

“Tutti in Vaticano devono leggere questo libro!” Questo ha pensato Papa Francesco quando padre Emiliano Antenucci gli presentò il suo libro “Non sparlare degli altri” (edizioni Effatà 2019).

Detto fatto. Poche settimane dopo, a tutti i dipendenti della città del Vaticano è stato recapitato questo speciale dono del Sommo Pontefice. Per assicurarsi che tutti ricevano il libro, è stato disposto che la consegna ad ogni dipendente avvenisse «apponendo la propria firma sull’apposito modulo che ne certifichi l’avvenuto ritiro». Così recita la circolare inviata ai direttori e responsabili dei vari uffici, che precisa: «si sottolinea che Papa Francesco ha espresso il preciso desiderio che ognuno ne abbia uno».

Continua a leggere…

Dalle Marche alla Transilvania: la famiglia che attende Papa Francesco in Romania

Dal 31 maggio al 2 giugno papa Francesco si recherà in Romania “accogliendo l’invito del Presidente, delle Autorità dello Stato e della Chiesa Cattolica della Romania. Il Santo Padre visiterà Bucarest, Iai e Blaj e il Santuario mariano di Sumuleu Ciuc, le cui origini risalgono al 1510. Sarà il secondo viaggio di un Sommo Pontefice nel paese balcanico dopo la visita di san Giovanni Paolo II avvenuta esattamente vent’anni fa, nel 1999.

Il portavoce dell’arcidiocesi di Bucarest ha affermato che questo viaggio apostolico porterà «una boccata d’ossigeno spirituale per la Romania», mentre l’arcivescovo dell’arcidiocesi latina di Bucarest, mons. Ioan Robu ha affermato che nel paese, nella chiesa cattolica, come in quella ortodossa si «respira un clima di gioia» per il «privilegio» di accogliere il Santo Padre.

Continua a leggere…

In piazza per annunciare il Vangelo. Cinque incontri per una “Chiesa in uscita”

Dopo aver celebrato solennemente la Veglia Pasquale le comunità neocatecumenali di tutto il mondo si apprestano a dare inizio, per il sesto anno consecutivo, alla “missione nelle piazze”. Questa missione si svolgerà durante cinque domeniche nei parchi, nelle strade e nelle piazze dei quartieri, in mezzo ai passanti, ai turisti e agli abitanti del luogo. Dopo la preghiera delle lodi o dei vespri (a seconda degli orari prestabiliti), alcuni fedeli parleranno della loro esperienza personale di incontro con Gesù Cristo e verrà proposta una catechesi che culminerà nell’annuncio del kerygma e la chiamata a conversione.

Continua a leggere…

Navigazione articolo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: