Testa•del•Serpente

"Rinunciare a tutto per salvare la testa" •

Archivio per la categoria “Sociedad / Società”

Dictator Conte e la metamorfosi della democrazia parlamentare ai tempi del covid-19

Condivido la riflessione che il prof. Leonardo Lugaresi ha pubblicato sul suo blog, lunedì 23 marzo. Sono molti i commentatori e gli opinionisti che in questi giorni hanno criticato le mosse del governo italiano di fronte alla gravissima emergenza sanitaria che il paese sta affrontando. Un governo che di fatto non rappresenta il paese, giunto al potere grazie ad accordi di palazzo e che ora chiude il Parlamento per lasciare un uomo solo al comando: un primo ministro che, investito di “pieni poteri”, governa a suon di decreti notturni postati su Facebook (incrementando così i “like” di più di mezzo milione di unità), il paese. Una strategia comunicativa discutibile, quella di Palazzo Chigi definita da Roberto Arditti su formiche.net “sbagliata nei tempi, nei modi e nella sostanza”.

“Pieni poteri”, una espressione che fino a poco tempo fa faceva rabbrividire (ed andare in escandescenza) i rappresentanti del “pensiero nobile” del paese, impegnati nella lotta contro l’emergenza razzismo, ma che ora sembra calzare a pennello (come la sua giacca) sulle spalle dell'”Avvocato del popolo” capace di un miracolo tutto italiano: aver guidato due governi di segno opposto con la stessa disinvoltura di chi cambia un vestito, senza perdere l’aplomb, senza aver cambiato pettinatura, passando dal becero populismo ai piani alti dell’establishment politico, europeo ed europeista. Il nuovo dictator dunque si presenta al popolo come unica ancora di salvezza, volto amico del popolo, navigatore esperto e necessario, guida sicura nell’ora più buia. Ultimo prodotto partorito dalla democrazia proprio nel momento in cui essa si sentiva pericolosamente minacciata dal razzismo, dal populismo, dal nazifascismo di ritorno e dall’incubo di un uomo solo al comando. Dictator-Conte è l’uomo della provvidenza, la metamorfosi della democrazia che sacrifica se stessa per amore del paese.

E siccome “democrazia chiama democrazia”, ecco arrivare le truppe di soccorso dai paesi amici, alleati solidali col Belpaese: dalla Cina, dalla Russia e da Cuba, schiere di compagni medici arrivano in Italia per sostenere il nostro sistema sanitario in affanno. I cubani hanno portato in trionfo, l’immagine del loro leader, un Fidel Castro – uomo solo al komando – che impose la democrazia a suon di pallottole e violenza. La solidarietà non manca.

Continua a leggere…

Il rischio di essere padre. Una responsabilità impellente (e l'umiltà necessaria per non andare allo sbaraglio).

Costretto a stare a casa a causa dell’emergenza coronavirus e approfittando di un po’ di tempo libero, ho pensato di approfittarne per dedicare del tempo alla lettura (che è comunque necessario ritagliarselo, tra gli impegni domestici, gli svaghi e la quantità di informazioni che in questo tempo arrivano tramite whatsap, social network e giornali online…). Ho quindi deciso di prendere in mano alcuni libri che ho acquistato negli ultimi anni senza riuscire a leggere. Capita a tutti di avere tra gli scaffali della propria libreria alcuni (o molti) libri acquistati o ricevuti in regalo che non si è mai riusciti a leggere per mancanza di tempo.

Ho fotografato la pila di libri che sono passati dallo scaffale al tavolo, per guardarli da vicino (sono convinto prendere contatto fisico col libro, toccarlo, tenerlo vicino è il primo passo per entrare nel suo contenuto) e selezionarli nel tentativo di decidere da che parte iniziare.

Continua a leggere…

La sinagoga sul web: la festa di Purim ai tempi del coronavirus. Così gli ebrei italiani hanno letto Ester

A causa dell’emergenza coronavirus, o Covid19, anche la comunità ebraica italiana si è dovuta adeguare alla normativa emessa dal Governo e ridurre i momenti di preghiera comune in Sinagoga.

Proprio in questi giorni, in cui il governo italiano ha varato ed emesso misure straordinarie per contenere la diffusione del contagio, Israele celebra la festa del Purim (alla lettera “le sorti”) in cui si fa memoria della vittoria del popolo ebraico sul malvagio Amman, consigliere del re persiano Assuero, che aveva decretato la stage degli israeliti. Il Purim è una delle feste più gioiose e attese da grandi e piccini in tutto il mondo ebraico: banchetti, regali e travestimenti, colori e sapori… per festeggiare la disfatta di Amman e di tutti gli “Amalek” che assediano Israele.

Continua a leggere…

Coronavirus: l’auto esaltazione del Partito Comunista tra cesure, silenzi e i sospetti della comunità scientifica (e quel laboratorio nei pressi di Wuhan)

Photo: Xinhua (Asia Times)

«Ho molti dubbi sull’efficacia del Partito nel contenere la crisi di coronavirus!» così don Bernardo Cervellera, missionario del PIME e direttore di AsiaNews , a proposito della crisi globale scatenata dal coronavirus che ha messo in ginocchio la Cina per poi diffondersi rapidamente in tutto il mondo, fino all’Italia, diventato oggi il principale focolaio in Europa, dove i contagi aumentano di ora in ora.

Mentre il Presidente e Segretario del Partito comunista Xi Jinping parla della «più grande emergenza sanitaria» che la Cina abbia mai affrontato dalla fondazione della Repubblica Cinese («la più infettiva, rapida e difficile da prevenire e controllare») e loda l’azione del suo governo nella prevenzione e nel contenimento del contagio, sul regime piovono feroci critiche da tutto il paese.

Continua a leggere…

Navigazione articolo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: