Testa•del•Serpente

"Rinunciare a tutto per salvare la testa" • Un blog di Miguel Cuartero Samperi

Charlie Gard non esiste! Variazioni (a bocca aperta) su un silenzio omicida assordante

Charlie Gard non è un cane, non è un omosessuale, non è un immigrato. Non fa parte dunque di nessuna di queste categorie “protette”. Forse per questo il suo triste caso non commuove l’opinione dei media di stato, della classe politica e della Chiesa. Il silenzio delle istituzioni politiche e religiose è talmente assordante che verrebbe da pensare che, in realtà, Charlie Gard non esista.

UNA VICENDA INCREDIBILE

Sembra inverosimile la storia del piccolo Charlie, il bambino britannico affetto da una rarissima malattia che i medici e i giudici del regno vogliono morto contro la volontà dei genitori. Il papà e la mamma vorrebbero portare il figlio in Stati Uniti per tentare il tutto per tutto tramite una cura sperimentale. Niente da fare, la vita di Charlie non dipende dai suoi genitori ma da altre persone che, senza conoscerlo veramente, stanno decidendo per lui (e per i suoi) come, quando e dove dovrà morire in nome di non meglio specificati “principi etici”.

Sembra inverosimile anche perché in questi tempi di “post-verità” in cui siamo costantemente messi in guardia dal dilagare delle cosiddette fake news viene da pensare che sia tutta una grande messa in scena. Ma è proprio così? E’ vero che il piccolo Charlie verrà ucciso contro la sua volontà e contro la volontà dei suoi genitori? E’ veramente possibile che questo possa succedere in maniera così palese, sotto i riflettori dei media senza che nessuno possa salvare la sua vita? Continua a leggere…

Pubblicati i diari di Carmen Hernández co-iniziatrice del Cammino Neocatecumenale

Foto: bac-editorial.es

Pubblicato il primo dei diari della catechista spagnola co-iniziatrice del Cammino Neocatecumenale. Un testo che rivela i tratti mistici della sua unione con Gesù e la “notte oscura” attraversata dalla sua anima.

***

A un anno dalla sua morte, avvenuta il 19 luglio del 2016, viene pubblicato il primo volume dei diari di Carmen Hernandez, co-iniziatrice del Cammino Neocatecumenale assieme a Kiko Argüello. Il volume uscirà in Spagna il 19 giugno per i tipi della BAC (Biblioteca de Autores Cristianos), casa editrice della Conferenza Episcopale Spagnola col titolo: Diarios (1979 – 1981), e verrà presentato ufficialmente a Madrid il 30 giugno da Kiko Argüello assieme al cardinale Ricardo Blazquez (Presidente della Conferenza Episcopale Spagnola), dal prof. A. Barahona (Università Francisco de Vitoria) e dal direttore della BAC il prof. C. Granados.

Si tratta della trascrizione della prima delle numerose agende alle quali la catechista spagnola affidava ogni giorno le sue riflessioni, le sue gioie e i suoi dolori, spesso in forma di preghiera, in dialogo con lo stesso Gesù. E’ stato proprio Kiko Argüello a promuovere e a curare personalmente l’edizione di questo primo diario per il quale sono previste già numerose traduzioni in diverse lingue. Il libro esce con una breve presentazione di Kiko Argüello e la prefazione di mons. Ricardo Blazquez (testi originali disponibili online sul sito della Bac). Continua a leggere…

Le “Annotazioni” di Kiko Argüello. Gioie e dolori dell’evangelizzazione

A cinquant’anni dalla nascita del Cammino l’iniziatore spagnolo pubblica una serie di appunti privati raccolti dal 1988 al 2014

“Anotaciones” (appunti o annotazioni) è questo il titolo del nuovo libro di Kiko Argüello iniziatore, assieme a Cármen Hernández, del Cammino Neocatecumenale. Il libro (296 pagine) è stato pubblicato dalla prestigiosa casa editrice della Conferenza Episcopale Spagnola (Biblioteca de Autores Cristianos, BAC). La traduzione in lingua italiana è a cura dell’editore Cantagalli (Annotazioni 1988-2014, Cantagalli, Siena 2016). Continua a leggere…

Notizie da Altrove. Chiacchierate semiserie su Medjugorje e dintorni

In una parrocchia di Altrove (provincia di Luogo) l’addetta alla libreria parrocchiale fervente devota della Madonna, sistema I libri negli scaffali. La sua semplicità non è sinonimo di ignoranza – tra libri, conferenze e giornali la sua formazione religiosa era piuttosto solida. Era quel suo realismo con cui misurava le realtà celesti che la rendeva credibile e, a suo modo, saggia, capace di intuire il punto focale dei discorsi anche grazie a quel geniale senso comune tipicamente femminile.

È pensierosa, bisbiglia ogni tanto qualche cosa tra sé e sé. Quando è sola lo fa spesso: preghiere e mormorazioni si mescolano, il confine non è marcato; a dividerle e a catalogarle – lei lo sa – ci penserà Nostro Signore che più di lei conosce il suo cuore. Nel frattempo lei divide e cataloga i libri appena arrivati quando improvvisamente ad interromperla il sacrestano Benedetto… Continua a leggere…

Trump incontra Francesco. E il giornalista-hater di La Repubblica insulta e sfotte

Non poteva essere altrimenti, in Italia la notizia del giorno è l’incontro avvenuto ieri in Vaticano tra il presidente degli Stati Uniti d’America Donald Trump e il Sommo Pontefice Francesco. Gli occhi di tutti i media si sono concentrati su questo importante appuntamento così come lo sforzo di ingenti unità militari per assicurare la massima sicurezza all’indomani del terribile attentato islamico avvenuto a Manchester.

Che tra i due non scorra “buon sangue” non è un segreto. L’attrito era evidente già durante la campagna elettorale quando, mentre Trump annunciava un controllo serrato delle frontiere per far fronte all’immigrazione clandestina, Francesco – interpellato sull’improbabile candidato alla Casa Bianca – rispondeva con l’ormai celebre frase «Chi costruisce muri non è cristiano». Continua a leggere…

Navigazione articolo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: