Testa•del•Serpente

"Rinunciare a tutto per salvare la testa" • Un blog di Miguel Cuartero Samperi

Mercanti di schiavi: lavoro, sesso e gravidanze in affitto nel XXI secolo


MERCANTI SCHIAVIUn libro necessario: aprire gli occhi sull’orrore.

“Mercanti di Schiavi: tratta e sfruttamento nel XXI secolo”, è questo il titolo del nuovo libro della giornalista Anna Pozzi pubblicato dalle edizioni San Paolo. Duecentoquindici pagine dolorose, ma estremamente necessarie per renderci conto che la nostra società – la società della tecnologia, delle comunicazioni e del benessere – porta dentro di sé un cancro che la corrode dall’interno: la presenza, silenziosa e dolorosa, di milioni di schiavi.

Sono veri e propri “racconti dell’orrore”, storie drammatiche “che è doloroso anche solo ascoltarle”, storie di uomini e donne disperati, sequestrati, minacciati, maltrattati, torturati, umiliati, violentati fisicamente e psicologicamente, sfruttati spesso fino alla morte. Il tutto con la silenziosa complicità di autorità governative che troppo spesso fingono di non sapere, per paura o per implicazione diretta, evitando di intervenire con politiche e azioni concrete di contrasto del traffico e protezione delle vittime.

Un libro che mette il dito nella piaga, drammatico, per certi versi atroce, che racconta storie reali, difficili da digerire, che calano pesanti come un macigno nello stomaco; ma un libro essenziale per aprire gli occhi su una terribile realtà che “spesso non riusciamo o non vogliamo vedere”.

Giornalista di “Mondo e Missione” Anna Pozzi affronta ancora questo argomento dopo la pubblicazione di altri due libri-inchiesta scritti con la suora missionaria Eugenia Bonetti: Schiave (San Paolo 2010) e Spezzare le catene (Rizzoli 2012); sempre assieme a suor Bonetti ha fondato nel 2012 l’associazione “Slaves no More onlus” che si batte per sensibilizzare l’opinione pubblica, prevenire la tratta e “combattere il traffico di esseri umani per lo sfruttamento lavorativo e sessuale”.

I volti della schiavitù: un fenomeno globale.

slave“La tratta di esseri umani – afferma la giornalista – è la peggiore schiavitù del XXI secolo , un crimine contro l’umanità” che riguarda “milioni di persone private della loro libertà e dignità”. “Il fenomeno della tratta ha assunto una dimensione globale ed è tutt’altro che in recessione. Non conosce crisi e continua ad aumentare, in Italia e nel mondo” (p. 11). Le forme di questa schiavitù sono molteplici, una schiavitù gestita, non più con pesanti catene e ceppi di ferro, ma tramite “truffe, sfruttamenti, ricatti, minacce, violenze” e condizionamenti psicologici da parte di “uomini e donne senza scrupoli che si arricchiscono sul commercio di carne umana, una delle attività meno perseguite e più redditizie al mondo”.

L’inchiesta di Anna Pozzi contiene nomi e cognomi, numeri, date, dati statistici; è un lavoro ben articolato e documentato che volge lo sguardo verso i diversi “volti della schiavitù”: il lavoro forzato, lo sfruttamento minorile, la prostituzione, la pornografia, la migrazione, i sequestri di persona, l’accattonaggio, le mafie, la criminalità organizzata che gestisce armi, droga e migranti, i bambini soldato, le forme di schiavitù all’interno del Califfato di Iraq e Siria (ISIS).

Gli schiavi d’Italia: stranieri sfruttati, lavoro, sesso e criminalità.

Uno sguardo particolarmente attento viene riservato agli “schiavi d’Italia” a cui è dedicato il terzo capitolo (pp. 125-204). Il nostro paese è infatti “uno Stato di transito, destinazione, ma anche di origine dei nuovi schiavi”: “Centinaia di migliaia di persone sono vittime di tratta di esseri umani e ridotte in schiavitù principalmente per il lavoro forzato” (nell’ambito domestico, nel settore agricolo, nell’edilizia, nella sanità, nella ristorazione, nel commercio ambulante…) e lo sfruttamento sessuale. La prostituzione è una delle maggiori cause di sfruttamento di persona e che coinvolge – per l’80% – donne immigrate, migliaia di minori (circa 2.500) e molti transgender “importati” dal Sud America. Ogni mese in Italia vengono “acquistate” 10 milioni di prestazioni sessuali.

Persone segregate, maltrattate e minacciate, costrette a vivere, nel buio e nella solitudine, una vita al servizio di qualcun altro al fine di guadagnare qualcosa per sopravvivere. Non mancano altre forme di schiavitù come l’accattonaggio, il lavoro in nero, l’asservimento a bande criminali dedicate a furti e borseggi nei negozi, per le strade o nelle case private. Sono fenomeni resi ancora più drammatici ed evidenti dall’aumento esponenziale dei migranti provenienti dall’Africa e dall’Asia che hanno portato in Italia centinaia di migliaia di persone estremamente bisognose e vulnerabili, destinate a divenire vittime dei nuovi “mercanti di schiavi” (nel 2014 si è raggiunta la cifra record di 60 milioni di migranti forzati).

Il mercato delle gravidanze: l’utero in affitto e i bambini “su ordinazione”

Il testo di Anna Pozzi dedica ampio spazio a un fenomeno in rapida crescita che ha acquistato in questi mesi particolare rilievo mediatico in Italia a causa della discussione sulle Unioni Civili e la Stepchild Adoption: quello della cosiddetta “gravidanza surrogata” o “gestazione per altri,  GPA” (pp. 98-112). Si tratta di eufemismi utilizzati dai mass media, dalla pubblicità e da esponenti del governo, per indicare la pratica dell’utero in affitto o – più semplicemente – l’acquisto di figli da parte di persone o coppie facoltose a donne disposte a prestare il proprio ventre per soddisfare bisogni e desideri altrui. La pratica dell’utero in affitto (vietata in Italia dalla legge 40) è una nuova forma di schiavitù che “non solo ferisce e umilia la dignità della donna, ma ne mette a rischio anche la salute fisica e psichica”, mentre il neonato viene “ridotto a cosa, a oggetto o peggio a merce”.

uteroaffittoIl fenomeno del “mercato delle gravidanze” è cresciuto esponenzialmente negli ultimi anni “con annessi crescenti interessi economici” a causa del raffinamento delle tecniche di fecondazione assistita e del proliferare di cliniche e agenzie specializzate nel traffico di neonati (con tanto di tariffario sui costi dell’operazione). Si tratta di “business miliardario, spesso illegale”, un “mercato molto promettente” che in molti paesi – specialmente del Terzo Mondo – è consentito dalle normative statali accrescendo sempre di più il numero di vittime: “donne generalmente molto povere, costrette – con la forza, l’inganno o dalla necessità – a portare in grembo una nuova vita, commissionata e acquistata da qualcun altro” e bambini nati per essere strappati dalle braccia delle loro madri per venire consegnati a sconosciuti acquirenti privi di scrupoli. I bambini nati attraverso questo commercio sono oramai migliaia, ma la cifra è difficile da stimare “perché non tutto è alla luce del sole”.

Le vittime sono nella maggior parte donne indigenti, “reclutate nelle aree più povere del paese” da veri e propri “agenti” e molto spesso sono spinte dalla miseria, non istruite, analfabete, incapaci di difendersi, prive di piena consapevolezza sulle clausole contrattuali e sui rischi che si corrono. Oggi affittare un utero può costare dai 45mila ai 120mila euro, ma in molti paesi in via di sviluppo (come il Nepal, l’India, la Thailandia…) i prezzi scendono vertiginosamente attirando molti clienti in cerca di soluzioni più economiche. Solo in India, dove esistono 1200 centri specializzati, questo mercato produce ogni anno più di 1500 bambini, un traffico “che vale quasi 3 miliardi di dollari l’anno”. Qui il governo ha recentemente cercato di prendere dei provvedimenti per arginare un commercio che sfuggiva oramai ad ogni controllo. Il governo indiano ha infatti chiesto alla Corte Suprema di “vietare l’accesso alla maternità surrogata a coppie di stranieri” (ottobre 2015).

Diverse denunce sono arrivate da parte di organismi internazionali, così come dalle Chiese locali e dal Vaticano. I rapporti del Center for Social Research (2012 e 2014) “parlano esplicitamente di compravendita di esseri umani con devastanti ricadute psicologiche sia sulle madri sia sui bambini”. “La libertà della madre surrogata – afferma il Csr – è un’illusione”. Secondo il Pontificio Consiglio per i Laici: “L’aspetto economico permette di evidenziare il dato reale: una vera compravendita di esseri umani, la riduzione in schiavitù delle donne e la commercializzazione dei neonati”.

Le vittime della “gravidanza surrogata”: alcuni casi eclatanti

Di recente sono venuti alla luce alcuni episodi che hanno contribuito a squarciare “quel velo di omertà e ipocrisia” che avvolge questo fenomeno degli uteri in affitto, “ultima frontiera del traffico di esseri umani, della riduzione in schiavitù di moltissime donne in varie parti del mondo”. Alcuni scandali hanno richiamato l’attenzione su un fenomeno che spesso viene dipinto come uno scambio altruistico di favori ma che non è altro che commercio, scambio di merce, tra chi acquista e chi vende (spesso a caro prezzo, economico ed umano), come testimonia la storia di una bambina rapita ad otto anni e costretta, negli anni, a partorire 10 bambini per altre persone (p. 103).

Tra i casi più eclatanti citati nel libro c’è quello del giovane magnate giapponese Mitsutoki Shigeta (24 anni) che riuscì a commissionare 16 figli recandosi in Thailandia per 65 volte in due anni. Scoperto dalla polizia thailandese, indagato per traffico di esseri umani e sfruttamento di minori, il miliardario nipponico tornò in patria lasciando 12 dei suoi figli ai servizi sociali.

Sempre in Thailandia ha fatto scalpore “la storia di una coppia australiana che aveva rifiutato uno dei due gemelli nati dalla madre surrogata perché affetto da sindrome di Down”. Questi gravi episodi di abusi hanno costretto il governo di Bangkok a chiudere diverse cliniche specializzate per evitare abusi e traffici illeciti legati al business della maternità surrogata.

Un altro caso scandaloso citato dall’autrice è quello venuto alla ribalta in seguito al terribile terremoto avvenuto in Nepal nell’aprile del 2015. Subito dopo il disastroso sisma, 26 neonati e diverse donne indiane in cinte furono evacuati con priorità e portati a Tel-Aviv: si trattava di gravidanze commissionate da coppie omosessuali israeliane. In questo modo venne alla luce l’asse che lega Israele e Nepal e che da vita a quasi la metà dei bambini israeliani nati tramite questo traffico. Tutto ciò nonostante il governo di Katmandu proibisca alle nepalesi di affittare il proprio utero; i molti clienti israeliani, infatti, reclutavano giovani indiane portandole nelle cliniche nepalesi.

Recentemente, il 2 febbraio 2016, durante una conferenza stampa presso il Senato della Repubblica Italiana organizzata da Pro Vita Onlus, l’americana Elisa Anna Gomez, ha raccontato la sua esperienza: caduta nell’inganno della maternità surrogata, ha dato alla luce un bambino per una coppia omosessuale in cambio di 8mila euro. Una storia incredibile di dolore e di sofferenze di cui Elisa si pente amaramente: dopo un lungo e burrascoso percorso giuridico ora è costretta a pagare 600 dollari al mese alla coppia omosessuale per il mantenimento della (propria) figlia.

Gli appelli di Papa Francesco

Papa Francesco ha più volte denunciato la piaga del traffico di esseri umani definendolo un “reato di lesa umanità” che “minaccia la dignità delle persone”.

Nel dicembre del 2013, parlando ai nuovi ambasciatori, il Santo Padre ha mostrato la sua preoccupazione per questa nuova forma di schiavitù sempre più diffusa chiedendo “una presa di responsabilità comune” e una “più decisa volontà politica” per sconfiggere questa emergenza umanitaria. “La tratta delle persone – ha affermato il Pontefice – è un crimine contro l’umanità. Dobbiamo unire le forze per liberare le vittime e per fermare questo crimine sempre più aggressivo, che minaccia, oltre che le singole persone, i valori fondanti della società e anche la sicurezza e la giustizia internazionali, oltre che l’economia, il tessuto familiare e lo stesso vivere sociale”.

Durante l’Angelus del 7 febbraio 2016, in occasione della Giornata di Preghiera contro la tratta di persone”, Francesco è tornato a parlare dei “nuovi schiavi di oggi” esortando a contribuire a “rompere le pesanti catene dello sfruttamento” per ridonare libertà e dignità alle persone. “Penso in particolare – ha detto il Pontefice – a tante donne e uomini, e a tanti bambini! Occorre fare ogni sforzo per debellare questo crimine e questa intollerabile vergogna”.

Articolo originale su Aleteia.org

 

 

Navigazione ad articolo singolo

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: