Testa•del•Serpente

"Rinunciare a tutto per salvare la testa" •

Archivio per il tag “Cristiani”

Guerra ai cristiani: la prima vittima del 2020 è padre Jozef Hollanders. Open Doors: nel 2019, uccisi otto cristiani al giorno.

Padre Jozef Hollanders, sacerdote Oblato di Maria Immacolata, è il primo missionario assassinato nel 2020. Missionario belga, aveva 82 anni e da 55 anni lavorava in un villaggio del nord Sudafrica, al confine con il Botswana. Parlava i dialetti afrikaans (lingua ufficiale del Sudafrica) e tswana (lingua parlata in Sudafrica, Botswana, Zimbabwe e Namibia).

Secondo quanto affermato dalla agenzia Fides, il motivo della sua morte potrebbe essere un tentativo di furto avvenuto nella sua parrocchia di Bodibe la notte di domenica 12 gennaio. Le esequie verranno celebrate domenica 22 gennaio presso la cattedrale di Klerksdorp.

Continua a leggere…

Persecuzione globale! Nel 2018, cristiani sotto la morsa di Islam e comunismo.

Altro che “ritorno al Medioevo” e alla “caccia alle streghe”. A leggere i dati pubblicati dalla fondazione di diritto Pontificio “Aiuto alla Chiesa che soffre” (ACS) per l’anno 2018 (Rapporto sulla libertà di religione 2018) sembra che il mondo sia piombato in un epoca oscura dominata da una genìa di barbari senz’anima, e dunque senza scrupoli, assetati di sangue, incapaci di attuare un livello minimo di umana convivenza.

Secondo questo dettagliato rapporto annuale (c’è una scheda di più pagine per ogni paese), giunto alla sua quattordicesima edizione, nel 2018 un cristiano su sette vive in terre di persecuzione. «In sintesi – afferma ACS – il 61% della popolazione mondiale vive in Paesi in cui non vi è rispetto per la libertà religiosa; nel 9% delle nazioni del mondo vi è discriminazione; e nell’11% degli Stati vi è persecuzione». Rispetto ai precedenti rapporti, la situazione è decisamente peggiorata. Sono oltre 300 milioni i fedeli cristiani che subiscono persecuzioni o discriminazioni. 

Continua a leggere…

Tre false testimonianze sulla Chiesa cattolica: la grande diffamazione!

stark-coverAleteia – “Non sono cattolico, non ho scritto questo libro per difendere la Chiesa ma per difendere la storia”

Violenza, inganno e sete di potere sono i tre peccati capitali della Chiesa cattolica, la potente e macchinosa istituzione che da duemila anni inganna e soggioga gli uomini mentre vanta un presunto potere spirituale affidatogli dallo stesso Gesù Cristo. E’ questo il mito che da tempi immemori è stato sostenuto e trasmesso da intellettuali anti-cattolici fino ad entrare nell’immaginario comune. Niente di più falso se si studia la storia senza paraocchi e preconcetti ideologici, senza voler spacciare per verità storiche delle favole inventate ad hoc per combattere e screditare la Chiesa e i cristiani.

Contro queste e altre fantasiose “leggende nere”, Rodney Stark ha pubblicato il saggio Bearing false witness, tradotto e pubblicato in Italia dalla casa editrice Lindau col titolo False testimonianze. Come smontare alcuni secoli di storia anticattolica. Continua a leggere…

Pakistan: “Cristiani il nostro obiettivo”. Il vescovo: “Portate la croce come Cristo”.

AFP PHOTO / ARIF ALI

AFP PHOTO / ARIF ALI

CRISTIANI NEL MIRINO

“Abbiamo commesso l’attentato di Lahore perché i cristiani sono un nostro obbiettivo, e faremo altri attentati di questo tipo in futuro”. Così il portavoce del gruppo talebano pachistano Jamaat-Ul-Ahrar ha rivendicato la stage avvenuta a Lahore dove un kamikaze ha provocato la morte di più di 72 persone tra le quali almeno 30 bambini e ferito circa altri 300 cittadini. L’attacco è avvenuto il giorno di Pasqua in un parco giochi dove intere famiglie festeggiavano coi loro bambini approfittando il giorno di festa concesso ai cristiani per la Pasqua. Tra le vittime anche alcuni musulmani, ma la rivendicazione dei talebani parla chiaro: l’obbiettivo sono i cristiani, una minoranza che, mentre piange le vittime dell’odio religioso, vive ora il terrore di nuovi attentati a “le infrastrutture dello Stato e del governo, le scuole e le università”. Secondo l’organizzazione Life for All che si occupa dei diritti delle minoranze, tra le vittime ci sarebbero circa 51 cristiani.

IL VESCOVO: “ANDIAMO AVANTI PORTANDO LA CROCE”

L’arcivescovo di Lahore, mons. Sebastian Shah, ha visitato le famiglie delle vittime e i molti feriti: ”Ho visitato ogni letto, e ogni vittima di qualsiasi fede. È stato davvero difficile, perché ho visto tanti bambini di appena 4 o 5 anni, cristiani e musulmani, feriti o uccisi da questo terribile attacco”. Il vescovo ha chiesto ai suoi fedeli di “non perdere la speranza”: “Anche se affrontiamo un periodo di grave difficoltà, dobbiamo imparare a rialzarci così come Cristo ha saputo rialzarsi pur portando la croce. E così noi, pur portando la nostra croce dobbiamo riuscire ad andare avanti. Perché Dio è e sarà sempre con noi”.

Molte le manifestazioni di solidarietà e cordoglio, dal premier pachistano Sharif a Malala, ma anche dai leader di tutto il mondo tra cui il presidente del governo italiano Matteo Renzi che ha parlato di “Pasqua insanguinata dalla follia kamikaze”.

MINORANZE IN PERICOLO CON COMPLICITA’ DELLO STATO E DI LEADER MUSULMANI

Photo credit should read RIZWAN TABASSUM/AFP/GettyImages)

Photo credit should read RIZWAN TABASSUM/AFP/GettyImages

La situazione per la minoranza cristiana è sempre più tesa, dopo gli attentati del 2015 che costarono la vita a circa 20 cristiani durante le Messe domenicali, i continui attacchi alla libertà religiosa da parte dei fondamentalisti islamici si aggiungono alle diverse restrizioni a cui i cristiani sono sottoposti dalle autorità civili come ad esempio il reato di blasfemia.

Qualche settimana fa, l’esecuzione da parte delle autorità federali dell’estremista islamico Mumtaz Qadri che nel 2011 aveva ucciso il ministro Salam Taseer ha scatenato una ondata di proteste da parte dei cittadini pachistani. Per molti musulmani, infatti, il terrorista Qadri è stato un eroe nazionale per aver ucciso un ministro “traditore”, un musulmano che aveva osato criticare la legge contro la blasfemia e difendere la causa della cristiana Asia Naurin Bibi accusata proprio di blasfemia e condannata a morte dalla Corte Suprema del Pakistan. All’epoca dei fatti, in Pakistan nessun leader religioso, sciita o sunnita, aveva denunciato l’omicidio perpetuato da Qadri, ora durante i funerali dell’omicida, molti gruppi religiosi hanno partecipato celebrando la morte del terrorista come quella di un martire, un eroe della fede, con preghiere, petali di rose e preghiere per il combattente islamico.

BLASFEMIA E CONDANNA A MORTE: IL CASO DI ASIA BIBI

Secondo la Sharia in vigore in Pakistan, il delitto blasfemia dev’essere punito con la pena di morte. In base a questa legge Asia Bibi è stata arrestata per aver offeso il profeta Maometto durante una discussione con alcune donne. Secondo le testimonianze dell’accusa, la donna cristiana avrebbe toccato un recipiente per l’acqua riservato a donne musulmane, infrangendo un precetto che preserva la purezza dei musulmani dalla “contaminazione” e il contatto con gli infedeli cristiani, da qui la discussione che ha portato – secondo le donne del villaggio – all’offesa del Profeta da parte della donna cristiana. Nonostante le molteplici voci che si sono alzate in tutto il mondo a favore della sua liberazione, attualmente la donna è sorvegliata in cella di isolamento, lontano da amici e familiari, in attesa della definitiva decisione dei giudici pachistani. Si tratta della prima donna condannata a morte per blasfemia.

IL CASO BHATTI: DOPO CINQUE ANNI SENZA GIUSTIZIA

Nel 2011 fu assassinato il ministro cristiano Shahbaz Bhatti reo di aver difeso i cristiani pakistani contro le continue persecuzioni ed attentati e di essersi schierato a favore della liberazione di Asia Bibi. A cinque anni di distanza dal terribile omicidio, gli assassini sono stati arrestati e hanno confessato la loro responsabilità, ma nonostante questo il processo è ancora in alto mare a causa delle forti pressioni sociali e religiose: per i musulmani infatti l’uccisione di un cristiano – ancora di più se ha offeso l’islam – non rappresenta un delitto per cui dover essere puniti. Continue minacce di morte arrivano all’avvocato difensore, ai testimoni oculari e alla famiglia Bhatti, ingiungendo di liberare gli imputati, di sollevare le accuse e di discostarsi dal caso. La Conferenza Episcopale Pakistana ha chiesto alla Santa Sede di aprire un indagine diocesana, il primo passo per l’apertura di un processo di canonizzazione per il politico martire che si è esposto alle minacce ed infine alla morte non nascondendo la propria fede, denunciando le ingiustizie e schierandosi dalla parte dei cristiani pachistani perseguitati.

PAKISTAN: ABUSI, RAPIMENTI, VIOLENZE CONTRO I CRISTIANI

Solo alcuni dei casi riescono ad ottenere risonanza mediatica, ma gli abusi contro i cristiani in Pakistan sono all’ordine del giorno. Nel 2013 una coppia cristiana è stata arrestata con l’accusa di blasfemia. La polizia ha torturato il marito davanti alla donna e ai quattro figli provocandogli gravi lesioni e handicap indelebili. Nell’ottobre del 2015, Sonia Bibi, ragazza cristiana di 20 anni, è stata aggredita da alcuni musulmani, cosparsa di benzina e arsa viva dagli aguzzini. A gennaio di questo anno, una ragazza cristiana di soli 18 anni, è stata rapita da un uomo musulmano mentre era sola in casa. Quella di rapire ragazze cristiane o indù per costringerle a conversioni e matrimoni forzati è una pratica che ogni anno miete migliaia di vittime: mille ogni anno secondo le ONG presenti nel paese asiatico e secondo l’agenzia Fides. Solo in rarissimi casi le ragazze tornano a casa dalle loro famiglie, grazie anche alla complicità delle autorità locali restie a difendere le minoranze di fronte ai propri correligionari.

SITUAZIONE DEI CRISTIANI SEMPRE PIU’ GRAVE

Da quanto emerso nell’ultimo documento della fondazione pontificia Aiuto alla Chiesa che Soffre, dove sono raccolti dati relativi al periodo 2013-3015, “I cristiani sono il gruppo religioso maggiormente perseguitato e la loro condizione continua a peggiorare in molti dei Paesi in cui affrontano da tempo gravi limitazioni alla libertà religiosa”.

Secondo l’organizzazione Open Doors, che ogni anno pubblica la classifica dei paesi dove esiste la più forte persecuzione anticristiana, le violenze di matrice religiosa continuano ad aumentare anno dopo anno nel paese islamico. Il Pakistan è il sesto paese più violento secondo la World Watch List del 2016, mentre nel 2015 era all’ottavo posto. Open Doors afferma che “l’estremismo islamico costituisce ancora la fonte principale di persecuzione anticristiana (in ben 35 dei 50 paesi della lista); sono in forte aumento anche il nazionalismo religioso (leggasi per esempio India, salita al 17° posto) e la paranoia dittatoriale (come in Eritrea 3° o Corea del Nord 1°)“.

La persecuzione contro i cristiani cresce esponenzialmente di anno in anno. Nel 2015 sono stati uccisi in tutto il mondo 7100 cristiani a causa della loro fede (4344 nel 2014) e distrutte 1062 chiese (1062 nel 2014).

PAPA FRANCESCO: “UN ESECRABILE ATTENTATO”

Papa Francesco ha espresso il suo cordoglio durante la preghiera del Regina Coeli: “Ieri, nel Pakistan centrale, la Santa Pasqua è stata insanguinata da un esecrabile attentato, che ha fatto strage di tante persone innocenti, per la maggior parte famiglie della minoranza cristiana – specialmente donne e bambini – raccolte in un parco pubblico per trascorrere nella gioia la festività pasquale”. Il Papa ha manifestato la sua vicinanza alle vittime di questo “crimine vile e insensato” invitando i fedeli a “pregare il Signore per le numerose vittime e per i loro cari”. Infine Francesco ha rivolto un “appello alle autorità civili pachistane affinché “compiano ogni sforzo per ridare sicurezza e serenità alla popolazione e, in particolare, alle minoranze religiose più vulnerabili”

Articolo originale su Romagiornale.it

Cristo crocifisso ieri e oggi: i cristiani spagnoli che popolano il cielo

cristo calatorao“Se il mondo vi odia, sappiate che prima di voi ha odiato me. (…) Un servo non è più grande del suo padrone. Se hanno perseguitato me, perseguiteranno anche voi” (Gv. 15,20).

Gesù lo aveva detto, lo aveva affermato chiaramente: egli apriva una strada verso il Cielo e questa strada passava necessariamente per la croce, per la persecuzione, per il dolore, la per la morte violenta.

Ma Gesù aveva anche annunciato chiaramente che la morte non avrebbe stroncato del tutto la sua vita, ma l’avrebbe trasformata, e che questa stessa sorte spettava anche ai suoi discepoli: “Voi sarete afflitti, ma la vostra afflizione si cambierà in gioia. (…) Ora siete nella stristezza; ma vi vedrò di nuovo e il vostro cuore si rallegrerà e nessuno vi potrà togliere la vostra gioia” (Gv. 16,20-23).

Così Paolo, che nel frattempo ignorava tutti questi fatti, rassicurava il fratello Timoteo scrivendogli: “Se moriamo con lui, vivremo anche con Lui” (2 Tm. 2,11).

La storia della Chiesa si può leggere seguendo il filo rosso del sangue dei martiri, a dimostrazione che queste parole di Gesù si sono avverate alla lettera: “Il mondo vi odia”. Il mondo ci odia perché il demonio ci odia e cerca, in ogni modo, di sterminare i cristiani illudendosi di strappare dalla memoria della storia la “testimonianza di Gesù”.

martire martinLo scorso anno, il Venerdì Santo, riflettevo sulla strage avvenuta in Kenya dove terroristi di fede islamica irrompevano in un campus universitario uccidendo gli studenti cristiani e liberando gli ostaggi che recitavano qualche versetto del corano.

Parlavo del rischio di rimanere indifferenti di fronte alle sofferenze di Cristo in Croce: La nostra esperienza ci mostra – scrivevo – come siamo lontani dal lasciarci commuovere dalla passio Christi: spesso ascoltiamo distratti il racconto della passione restando a una distanza di sicurezza che ci impedisce di com-patire (patire assieme) Gesù. Forse il poco amore per Lui, forse la poca consapevolezza del nostro peccato, forse l’incapacità di comprendere a pieno l’entità del dono, del sacrificio della croce.

Oggi nella nostra quotidianità fatta di scadenze impellenti e di impegni improrogabili, restiamo indifferenti alla passione di coloro che, accomunati alla sorte del Maestro, vengono perseguitati e crocifissi con Lui: Oggi Cristo muore ancora. E possiamo ancora rimanere indifferenti, lontani, freddi; possiamo ancora evitare di entrare nella passione di Gesù pensando che a noi bastano le nostre piccole o grandi croci quotidiane”.

Se il Venerdì Santo del 2015 riflettevo sui giovani del Kenya oggi mi tornano in mente quei cristiani spagnoli che, non molti anni fa, subirono la grande persecuzione a causa della loro fede. La Seconda Repubblica spagnola fu protagonista di una delle più violente persecuzioni religiose della storia, uno sterminio che riempì le strade del sangue di Cristo, versato in odio alla fede. “Se hanno perseguitato me, perseguiteranno anche voi”.

A 80 anni di distanza dall’inizio della persecuzione, leggere i nomi dei cristiani uccisi – dei vescovi, dei sacerdoti, delle suore, dei laici – scorrere l’elenco dei loro nomi e tirare le somme di quella barbarie, fa ancora inorridire, rabbrividire. Sono molte le storie che si possono raccontare, sono dettagli di una furiosa persecuzione anticlericale che ha messo in ginocchio l’intera chiesa spagnola: vescovi arrestati e torturati, uomini e donne uccisi all’uscita della Messa domenicale, donne violentate davanti ai loro mariti e figli, corpi squartati, mutilazioni dei genitali, esecuzioni sommarie di intere comunità religiose, cimiteri profanati…

MartiresBarbastro

Urne con i resti dei martiri. Barbastro, Aragón.

La storia dei Martiri di Barbastro, 51  clarettiani (in maggioranza giovani seminaristi) sequestrati e giustiziati dopo mesi di violenze e sadismo, è diventata un film (Un Dios prohibido) che non mostra che una piccola parte di una persecuzione che fu proporzionalmente superiore a quelle dei primi cristiani sotto gli imperi di Diocleziano e Nerone. Beatificati nel 1992 da Giovanni Paolo II questi ragazzi, mentre venivano portati in cimitero per essere fucilati, cantavano lodi a Dio, pur sapendo che andavano a morire, i miliziani non lo capivano e cercavano in ogni modo di farli smettere ma i religiosi clarettiani baciavano le corde con cui venivano legati, cantavano, dicevano di morire contenti e con sfacciata eroicità urlavano “Viva Cristo Rey!”

Un recente studio di Stanley Payne, The Spanish Civil War (Cambridge University Press 2012) ha definito la persecuzione da parte dei socialisti e anarchici spagnoli come “la più selvaggia violenza subita dalla Chiesa in tutta la sua storia”. Payne sottolinea che, tenendo conto del numero di religiosi uccisi, della entità della persecuzione, la ferocia delle violenze e il breve lasso di tempo in cui tutto ciò si è consumato, questa persecuzione supera di gran lunga quelle efferate durante la Rivoluzione Francese, la guerra civile russa e l’epoca dei Cristeros messicani. Il numero aggiornato il numero di religiosi uccisi durante la persecuzione anticattolica nella zona repubblicana è di 6788 vittime in tre anni (36-39). Senza contare che le sollevazioni e le scorribande della sinistra radicale rivoluzionaria contro i luoghi di chiese e conventi ebbero inizio nel 1931. Quella che si è consumata è stata una vera e propria caccia al clero cattolico con conseguenze devastanti per la Chiesa locale e la società spagnola e con ingenti danni materiali e morali. Non furono presi di mira tutti i cristiani ma i cattolici, e in particolare i religiosi (molti pastori protestanti infatti si identificarono con la sinistra e vennero risparmiati, le loro chiese rimasero aperte, il loro culto permesso).

A fomentare l’odio contro i cattolici, secondo Payne, furono “gli stessi sentimenti che motivarono i rivoluzionari francesi del 1792 e del secolo successivo”: la Chiesa era considerata detentrice di un ordine morale e politico che doveva essere sovvertito per sempre (Payne, p. 141).

guerra civil dati

Nel 1937 a Valencia un ministro della II Repubblica, Manuel de Irujo, riassumeva con sfacciato orgoglio i risultati della persecuzione: Tutti gli altari, le immagini sacre e gli oggetti di culto sono stati distrutti con vilipendio. Tutte le chiese hanno sospeso il culto. Gran parte dei tempi sono stati incendiati. Campane, calici, candelabri… sono stati fusi per fini industriali e bellici. Nelle chiese sono stati collocati magazzini, stalle, mercati, depositi di armi e destinate a diversi scopi. I conventi sono stati sloggiati e la vita religiosa sospesa. I sacerdoti e religiosi (in quanto sacerdoti e religiosi) sono stati arrestati, imprigionati e fucilati. E’ stata proibita tassativamente la detenzione di immagini sacre e oggetti di culto ad uso privato. Un regime di terrore dichiarato dagli stessi aguzzini: “La policía que practica registros domiciliarios, buceando en el interior de las habitaciones, de vida íntima personal o familiar, destruye con escarnio y violencia imágenes, estampas, libros religiosos y cuanto con el culto se relaciona o lo recuerde“.

Nel suo libro “Asì iban a la muerte” (Voz de Papel, 2011) Santiago Montenegro racconta le testimonianze di giovani vittime del terror rojo, giovani dimenticati dalla storia che hanno lasciato – attraverso biglietti, lettere e testimoni oculari – una “testimonianza sublime di amore a Dio, e al prossimo, un’impressionante dimostrazione di fede, speranza e carità cristiane, un altissimo esempio di coraggio e rigore morale” (p. 11). L’autore parla di “barbarie sacrilega”, di un “vero olocausto” frutto dell’odio dei gruppi marxisti e anarchici verso Cristo e i cristiani.

Questa è una storia dimenticata, anche da molti spagnoli; negata oggi da molti socialisti, figli e nipoti dei protagonisti del terrore; edulcorata, giustificata. Ma quei martiri, eroi della fede che non disdegnarono di venire crocifissi con Cristo, oggi popolano il Cielo, dove godono della vita eterna in attesa della Risurrezione finale.  Gesù lo aveva detto: “Chi persevererà sino alla fine, sarà salvato” (Mt24,13).

 

Suggerimenti bibliografici:

  • Alcalà C., Las checas del terror, Libros Libres 2007.
  • Bastante J., Mártires por su fe, Esfera de los Libros 2010.
  • Cantera Montenegro S., Asì iban a la muerte, Voz De Papel 2011.
  • Hernández Fugueiredo J.R., Destrucción del patrimonio religioso en la II Republica (1931-1936), Bac 2009.
  • Ortí Cárcel V., Buio sull’altare. 1931-1939: la persecuzione della Chiesa in Spagna, Città Nuova 2000.
  • Martín de la Hoz J., Breve Historia de las persecuciones contra la Iglesia, Rialp 2015.
  • Payne G., La Guerra Civil Española, Rialp 2014.
  • Intervista allo storico spagnolo V. Cárcel Ortí pubblicata su rossoporpora.org

 

Navigazione articolo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: