Testa•del•Serpente

"Rinunciare a tutto per salvare la testa" •

Archivio per il giorno “febbraio 8, 2020”

Il Cantico dei Cantici secondo Benigni: una lettura dissacrante e fuorviante.

Dopo un ingresso trionfale sul palco dell’Ariston per la settantesima edizione del Festival di Sanremo, Benigni ha spiegato di voler dedicare il suo monologo a un libro della Sacra Scrittura: il Cantico dei Cantici. In quel momento la metà degli spettatori ha iniziato ad annoiarsi per partito preso, il resto del pubblico si è annoiato nei successivi secondi per le banalità e le falsità esposte dal comico toscano.

Benigni ha spiegato di aver scelto il Cantico dei Cantici perché non c’è niente di meglio, in un festival della canzone, che parlare della “canzone delle canzoni” (che infatti in inglese si dice Song of the Songs). «Mi sono messo a cercare la canzone più bella che sia mai stata fatta. Alla fine l’ho trovata: è la canzone delle canzoni. È il Cantico dei Cantici che sta nella Bibbia».

Continua a leggere…

Navigazione articolo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: