Testa•del•Serpente

"Rinunciare a tutto per salvare la testa" •

Dalle Marche alla Transilvania: la famiglia che attende Papa Francesco in Romania


Dal 31 maggio al 2 giugno papa Francesco si recherà in Romania “accogliendo l’invito del Presidente, delle Autorità dello Stato e della Chiesa Cattolica della Romania. Il Santo Padre visiterà Bucarest, Iai e Blaj e il Santuario mariano di Sumuleu Ciuc, le cui origini risalgono al 1510. Sarà il secondo viaggio di un Sommo Pontefice nel paese balcanico dopo la visita di san Giovanni Paolo II avvenuta esattamente vent’anni fa, nel 1999.

Il portavoce dell’arcidiocesi di Bucarest ha affermato che questo viaggio apostolico porterà «una boccata d’ossigeno spirituale per la Romania», mentre l’arcivescovo dell’arcidiocesi latina di Bucarest, mons. Ioan Robu ha affermato che nel paese, nella chiesa cattolica, come in quella ortodossa si «respira un clima di gioia» per il «privilegio» di accogliere il Santo Padre.

Giovanni Paolo II a Bucarest nel 1999.

«Camminiamo insieme» sarà il motto di un viaggio che avrà una grande importanza ecumenica essendo la Romania un paese a maggioranza ortodossa:  l’86% sono ortodossi e circa il 7,3% cattolici.

Tra i cattolici che attendono con ansia l’arrivo del Papa c’è una famiglia italiana che da dieci anni è in missione in Transilvania, nella città di Satu Mare: si tratta di Sandro e Rita Nori, una coppia di Ascoli Piceno appartenente al Cammino Neocatecumenale assieme ai loro 10 figli, tra i quali c’è anche una piccola rom adottata dai Nori. La loro missione consiste nel “vivere come una famiglia romena” e “testimoniare concretamente, con la loro vita” che Dio provvede anche in mezzo alla povertà (lo stipendio medio è di 300 euro e molti romeni sono costretti a cercare lavoro all’estero).

Sono più di mille le famiglie in missione che il Cammino Neocatecumenale ha inviato in tutto il mondo con la benedizione dei Sommi Pontefici (il primo papa a inviare le famiglie in missione fu Giovanni Paolo II nel 1988). Presenti nei cinque continenti queste famiglie, assieme ai loro figli, si rendono disponibili per partire in qualsiasi paese del mondo e la destinazione viene solitamente estratta a sorte.

In vista dell’imminente viaggio apostolico di papa Francesco in Romania, Debora Donnini ha intervistato Sandro e Rita nori per Vatican News. Di seguito il LINK per leggere la loro esperienza:

Romania. L’attesa di una famiglia di missionari con 10 figli (Debora Donnini, Vatican News)

Annunci

Navigazione ad articolo singolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: