Testa•del•Serpente

"Rinunciare a tutto per salvare la testa" • Un blog di Miguel Cuartero Samperi

Notizie da Altrove. Chiacchierate semiserie su Medjugorje e dintorni


In una parrocchia di Altrove (provincia di Luogo) l’addetta alla libreria parrocchiale fervente devota della Madonna, sistema I libri negli scaffali. La sua semplicità non è sinonimo di ignoranza – tra libri, conferenze e giornali la sua formazione religiosa era piuttosto solida. Era quel suo realismo con cui misurava le realtà celesti che la rendeva credibile e, a suo modo, saggia, capace di intuire il punto focale dei discorsi anche grazie a quel geniale senso comune tipicamente femminile.

È pensierosa, bisbiglia ogni tanto qualche cosa tra sé e sé. Quando è sola lo fa spesso: preghiere e mormorazioni si mescolano, il confine non è marcato; a dividerle e a catalogarle – lei lo sa – ci penserà Nostro Signore che più di lei conosce il suo cuore. Nel frattempo lei divide e cataloga i libri appena arrivati quando improvvisamente ad interromperla il sacrestano Benedetto…

+ Buongiorno! Sia lodato Gesucristo!

Spesso il sacrestano – un uomo che aveva superato la sessantina senza più moglie e senza figli – salutava in questo modo. Letizia considerava questo saluto estremamente solenne, molto più del “ciao” del parroco. In fondo, però, non aveva ancora deciso se la infastidiva di più il clericalismo del Sacrestano o lo stile poco clericale del parroco… sapeva che sospendere il giudizio era la soluzione più cristiana. D’altronde usciva spesso arricchita dalle conversazioni col comparrocchiano; forse per gli anni che portava addosso, forse l’esperienza di parrocchia o per la sua vita di preghiera, il buon Benedetto sapeva sempre sorprenderla con qualche buon consiglio, che lei era interiormente costretta ad accettare. Gli incontri con quell’uomo – col quale si era creata una sana confidenza che si avvicinava molto alla comunione – non la lasciavano mai indifferente…

– “Sempre sia lodato!”

+ Cara Letizia volevo vedere i libri su Medjugorje. Se ne sta parlando tanto in giro e vorrei capire meglio…

– (Mormorando a denti strettiTutti vorremmo capire… 

+ Come dici?

– Niente, dicevo che stavo proprio chiedendomi cosa fare di questi libri. Insomma ora che il Papa…

+ Cos’altro vuoi fare? Forse andrebbero ritirati… oppure sistemarli in un settore più discreto.

– Discreto? Vuoi dire in magazzino in attesa del macino? Renderli?

+ Potrebbe essere un’idea ma io li terrei nei cassetti per prenderli solo su richiesta.

– Certo, se qualche fedele dovesse comprare i libri su Medjugorje e credere alle “presunte” apparizioni, potremmo andarci di mezzo noi! In tempi di faknews e di post-verità potrebbero accusarci di diffondere il falso. Non so se il parroco si sia pronunciato, a me non ha detto ancora nulla, ma …se interviene la Curia saranno guai! Già rischiamo accuse di omofobia se continuiamo a vendere la Bibbia! (Ironica)

+ Ah s’è per questo, col Governo di “cattolici” che ci ritroviamo stai tranquilla che anche la Bibbia rischia in magazzino! C’è poco da ridere… Tra il Pentateuco e San Paolo non si sa chi è più omofobo e misogeno! Godiamoci questi giorni di libertà, poi vedremo cosa fare della Bibbia.

– Libertà vigilata vorrai dire! Almeno per la Madonna!

+ Guarda che nessuno ha censurato la Madonna! In fin dei conti il Papa ha detto che non crede che la Madonna passi messaggi come un corriere a giorni ed orari stabiliti. Insomma ha ragione, non s’è mai sentito che la Vergine dia appuntamenti…

– E allora quei ragazzini di Fatima? Avevano l’agenda piena ogni 13 del mese. E la Madonna ha pure promesso un “segno” e dato un appuntamento a tutto il paese. Eppure il Papa li ha canonizzati! Quindi le apparizioni di Fatima, con annessi “appuntamenti” dati da Maria, sono state ufficialmente approvate.

+ Certo, ma a Cova da Iria si trattava di bambini innocenti… due sono morti giovanissimi e Lucia fu presto chiusa in convento. E poi c’è stato il miracolo della pioggia e del sole che hanno sigillato il tutto da lassù. Inoltre… le apparizioni portoghesi son finite da un pezzo e i “pastorelli” fanno ormai miracoli! A Medjugorje invece i messaggi arrivano ancora e tanti; i pellegrinaggi aumentano; i veggenti non sono più ragazzini e fanno vita “normale”. C’è ancora molto da capire.

– Insomma vuoi dire che la Madonna può inviare messaggi e dare appuntamenti ovunque tranne che a Medjugorje?

+ No, il Papa non ha detto questo! Ha detto che la “Relazione” distingue le prime apparizioni (fino all’1981) che sarebbero vere, dalle seconde, che sono dubbiose.

– Più che dubbiose! Il Papa si è detto “più cattivo”…

+ Già, da quello che ha detto mi sembra di aver capito che dall’ottantuno che non parla la Madonna; ha proprio detto che “Quella non è la Madre di Dio”.

– E dunque? Tutta una truffa ben orchestrata?! Dovrò separare i libri coi messaggi veri da quelli coi messaggi falsi? Qualche libro dovremmo dovremmo spezzarlo. Ormai son quasi tutti obsoleti…

(silenzio)

+ … Non saprei cosa dirti. Ad ogni modo, il Papa ha precisato che quella è la sua opinione p-e-r-s-o-n-a-l-e.

– Epperò si da il caso però che coincida con l’opinione personale del Vicario-di-Cristo!! (nervosa)

+ Vescovo di Roma… e comunque pur sempre un fedele.

– Si, ma “vestito di bianco”, è pur sempre​ il Papa! La sua è un’opinione ma caspita se è autorevole!

+ Quante volte te lo dei dire che le interviste in aereo non valgono quanto un enciclica? Ancora insisti su questo?

– Aereo o non aereo. Anche su una barca o in elicottero è sempre il Papa. O no?

+ Ma è una chiacchierata, ciò che dice non ha valore ufficiale. Suvvia un po’ di elasticità mentale!

– Chiacchierata che svela però il rapporto di uno studio di cui milioni di persone nel mondo attendevano il responso ufficiale. Se mi permetti… non me ne volere, ma mi sembra un’ingenuità!

+ (Brusco e nervoso) Smettila!! Ora basta, stai esagerando! Stai giudicando il Papa! Non ti è lecito! Chi sei tu….?

– Sto giudicando le interviste aeree dopo i viaggi apostolici, non il Papa! Ogni volta fa più notizia l’intervista che il viaggio stesso. Basta che guardi i telegiornali, in ogni intervista aerea c’è uno scoop da prima pagina. E’ manna dal cielo per i media! Su temi cosi importanti non si dovrebbe parlare con leggerezza ci vorrebbe… prudenza. A mio avviso creano solo tanta confusione! Ricordi quando in piena campagna elettorale disse di quel candidato…

+ (Interrompe) Si, va bene, ma basta leggere il Codice di Diritto Canonico: il Magistero prevede che l’obbedienza…

(Interrompe) Non mettere in mezzo queste cose, non sono un teologo e neanche tante persone che sono andate a Medjugorje lo sono. Se parla il Papa per noi questo ha un valore enorme, è parola di Papa. Dei vari livelli di ossequio magisteriale ecc. non ne so nulla.

+ (Più calmo) Ok, ok ho capito! Ora però torniamo a Medjugorje!

– No grazie, io a Medjugorje non ci torno… Mi è passata la voglia…

+ Ma come, non eri una “fervente devota” della Vergine Maria? Già è passata la voglia?

– Devotissima! Porto sempre lo scapolare del Carmelo e la Medaglia Miracolosa di Rue du Bac! Ma se rimanessi indifferente all’“opinione personale” del Papa non starebbe bene; in coscienza mi interrogo, devo mettere tutto in discussione… Ora per me è tutto più confuso e dubbioso.

+ Ah, quanti dubia… (sospira). Devi però ammettere che neanche davanti ai messaggi della Madre di Dio si può rimanere indifferenti!

– Cosa vuoi dire?

+ Se eri così sicura che a Medjugorje appariva la Madonna, in coscienza avresti dovuto stare lì, per lo meno conoscere i suoi messaggi, e – non un semplice dettaglio – mettere in pratica i consigli della “Regina della Pace”. Lei ha sempre detto di convertirsi, di pregare sempre, di pregare il Rosario, di alimentare la vita spirituale coi sacramenti: confessione, eucaristia… Cose che ha detto anche a Fatima e da altre parti, nessuna novità! Il problema è questo: forse vogliamo “difendere” le apparizioni per principio, ma poi… facciamo quello che ci viene chiesto da Maria? Lo riteniamo utile per la nostra vita? Ci mette in discussione? Oppure è solo un evento straordinario… folklore religioso?

– Hai ragione, a questo non avevo pensato…

+ Conversione, mia cara Letizia, cambiamento di vita, dare frutti visibili e concreti di “vita eterna”. Alla fine è questo ciò che conta, altro che apparizioni… siamo ancora lontani. Parlo per me che sono un povero vecchio sacrestano…

– Parla anche per me, ti lascio una delega (scherza). 

Quella mattina, nella libreria parrocchiale di Altrove, le preghiere presero prepotentemente il sopravvento sulle mormorazioni… 

Annunci

Navigazione ad articolo singolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: