Testa•del•Serpente

"Rinunciare a tutto per salvare la testa" • Un blog di Miguel Cuartero Samperi

Omicidio a Roma: la società del desiderio e del narcisismo esasperato


Anche gli autori del terribile omicidio di Luca Varani sono, in fondo, delle vittime. Sono vittime di una società che mette al primo posto l’emotivismo e che ha innalzato il desiderio personale a regola dell’agire, a diritto inalienabile.

Ad affermarlo è lo psichiatra Tonino Cantelmi in un articolo pubblicato l’8 marzo dall’agenzia SIR. I sensation seekers (cercatori di emozioni) sono disposti a tutto, perfino a spogliare della propria umanità i loro simili per appagare la loro sete narcisistica di emozioni.

La vicenda ora, sacrificata sull’altare della “spettacolarizzazione mediatica” rischia di divenire a sua volta alimento per saziare la fame di emozioni di cui la nostra società sembra sempre più avere bisogno.

***

La risposta al terrificante omicidio di Roma va trovata nella ricerca di emozioni forti (di Tonino Cantelmi)

No, proprio no: sembra che non ci siano parole per esprimere l’effetto che questa notizia  suscita. I commenti sui social oscillano tra la rabbia urlata e volgare e la disperazione dell’insensatezza: insulti, parolacce, voglia di vendetta, stupore, dolore, maledizioni, senso di resa, violenza.

“Volevamo uccidere qualcuno solo per vedere che effetto fa”. E’ quanto Manuel Foffo, ha raccontato al giudice in relazione all’omicidio di Luca Varani, avvenuto a Roma con modalità troppo crudeli nel corso di un festino a base di droga e alcol. “Eravamo usciti in macchina la sera prima – ha detto – sperando di incontrare qualcuno. Poi abbiamo pensato a Varani che il mio amico conosceva”.

Sensation seeking: ricerca di emozioni forti. Questa potrebbe essere la risposta dello psichiatra. Sì, lo so, non basta al popolo vorace del social e all’impazzimento mediatico che la notizia suscita. Eppure la ricerca di emozioni forti è la stessa che ha prodotto vittime nelle cosiddette “sfide alla morte” che la società sembra voler ignorare.

Ricordate quei ragazzi dei cavalcavia, che gettavano sassi assassini sulle macchine che sfrecciavano in autostrada? Oppure quei giovani che si stendevano sui binari sfidandosi a chi si sarebbe alzato per ultimo al passaggio del treno e a volte troppo tardi? O ancora le sfide alla morte delle corse contro mano che in alcune notti segnano le nostre città? Anche queste sono ricerche estreme di emozioni forti. Sì, poi c’è il popolo dei sensation seekers che si accontentano di sballi artificiali, di sesso estremo, di pugni a caso su passanti ignari, il famigerato knockout game, e anche in tutti questi casi ricordiamo vittime più o meno innocenti.

Ma siamo sicuri che Manuel e il suo amico, cercatori di emozioni, e i tanti altri sensation seekers non siano in qualche modo essi stessi vittime di una società che sta eleggendo l’emotivismo, la soddisfazione immediata di ogni bisogno, la tirannia del desiderio e il narcisismo esasperato come modo di essere privilegiato?

Sarebbe troppo chiedere di non sacrificare sull’altare della insaziabile spettacolarizzazione mediatica ciò che rimane di umano in questa vicenda, non cedendo ad un’altra forma di emotivismo che fa dell’orrido e delle sensazioni che l’orrido suscita un ulteriore stimolo alla ricerca di emozioni forti? Temo purtroppo che sia una richiesta eccessiva: assisteremo all’orrorificio mediatico e al circo delle interviste senza pietà e delle ricostruzioni suggestive.

Un invito: l’accaduto sembra disumano, e sicuramente lo è. Per uccidere così occorre spogliare la vittima della sua umanità, considerarla un oggetto disponibile a soddisfare impulsi e desideri inconfessabili. Tuttavia in ogni storia c’è quel briciolo di umano da cui ricominciare. L’invito è questo: ricominciare da quel briciolo. E c’è un solo modo: tacere. Il silenzio consentirà a quella briciola di umanità, deposta nelle mani di persone disponibili ad aiutarla, a crescere. Trasformare la vicenda in un ulteriore spettacolo significa completare l’opera di disumanizzazione. Ecco, non ci sono parole, ma solo il silenzio e l’operosità nascosta di chi vorrà aiutare Manuel, il suo amico e tanti altri come loro, sprofondati nell’abisso della ricerca di emozioni forti, per evitare che accada ancora.

Articolo originale su Romagiornale.it

Navigazione ad articolo singolo

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: