Testa•del•Serpente

"Rinunciare a tutto per salvare la testa" • Un blog di Miguel Cuartero Samperi

Una storia (vera) sulla teoria gender (che non esiste)


gender non esisteDedicato a tutti i dubbiosi, agli indecisi, ai non schierati, ai tiepidi, ai dialoganti, i ciellini, gli scout; agli amici catto- comunisti e a quelli catto-democratici; ai cattolici renziani, grillini, pisapini e marini.

A tutti quelli che “costruiamo ponti non muri”, e a quelli che “fate l’amore e non la guerra”. A quelli che “ce-lo-chiede-l’Europa”.

A tutti quelli che il-gender-non-esiste, a tutti quelli chi-sono-io-per-giudicare?; a quelli che “sono-solo-allarmismi”; ai cattolici verdi, a quelli rossi, a quelli arcobaleno; ai cattolici del futuro; ai cristiani svizzeri, alle guardie svizzere.

A tutti quelli che “papa Francesco sì, la Chiesa no”.

Alle maestre sessansottine delle nostre scuole statali, a quelli che “gli stereotipi ci rovinano la vita”, a quelli che “sii ciò che vuoi”e a quelli che “love is love” e “se l’amore è amore”; a quelli delle edizioni Stampatello; alle signore Fedeli e Cirinnà.

A quelli che affittano uteri, perché un figlio è un diritto.

A quelli di La Republica e L’Espresso e a quelli del Corriere; a quelli che La-chiesa-siamo-noi (e voi non siete un c…).

A quelli che trafugano documenti riservati scritti dal Santo Padre per spiattellarli su internet in anteprima mondiale e a quelli che li difendono.

Ai chierici che stanno lucidando le croci sul petto e in sacrestia e a quelli che stanno pettinando le bambole, a quelli che producono pagine e pagine di strategie pastoriali diocesane; alle suore cuoche, alle suore cantanti e a quelle della Lazzio.

Alla mamma di Bruce e Brian, alla mamma di John Money, alla mamma (sempre in cinta) degli stolti, degli ottusi e a anche – perchennò? – quella dei codardi. Alla mamma degli attivisti LGBTQ erre, esse, tì, u, vu, zeta.

A Simona Ventura, a Vladimiro Lussuria, alla Innocenzi, a Saviano, Oddifreddi e alle Femen;

A quelli che maschietti-col-rossetto e a quelli che vietano la festa del papà e il presepe per dare il cous-cous ai nostri figli.

A tutti quelli che mi conoscono, loro malgrado…

…dedico questo articolo (quello di cui vado piu’ fiero): una storia di non-amore, con un non-lieto fine, basata su una teoria scientifica poco scientifica difesa da un medico dal nome programmatico.

TANTI AUGURI e in bocca al lupo a tutt@ per quello che verrà! (Noi sapremo cavarcela: abbiamo amici altolocati, lassù…)

LEGGI QUI LA STORIA

 

Navigazione ad articolo singolo

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: