Testa•del•Serpente

"Rinunciare a tutto per salvare la testa" • Un blog di Miguel Cuartero Samperi

Quel sí che dà senso: riflessioni post matrimoniali


la foto 2bannerTornato dal viaggio di nozze più bello della mia vita dopo essermi sposato con la mia ex fidanzata (ora promossa al rango di “moglie”), i miei pensieri non possono che essere frammentati e confusi. E pensieri confusi non possono che essere trascritti con parole e frasi intermittenti, necessariamente sintetiche e sicuramente riduttive.

Siamo (bisogna iniziare a usare il plurale quando si può) stati immersi (consapevolmente ma quasi incoscientemente) in un uragano di eventi e di situazioni vissute in questi ultimi due mesi. In un movimento in crescendo mano a mano che si avvicinava la data del nostro matrimonio. La preparazione ci ha – come si dice in spagnolo – “agotado“, sgocciolati, spremuti, come da copione. Ho rinunciato a concludere la tesi (fermo a 40 pagine di bozza a tratti senza senso o nesso logico) con una professoressa che giustamente preme per poter seguire il suo, probabilmente ultimo, lavoro di tesi prima di ritirarsi nella riflessione filosofica pura… Nell’ultimo periodo prima del matrimonio abbiamo rinunciato a ogni tipo di situazione che potesse somigliare alla quiete, alla tranquillità, alla pace, al riposo e, a volte, al sonno… per non pensare all’ozio e allo svago: tutto rimandato per il dopo ma senza perdere mai la calma! Il culmine dell’uragano Marri(ed) è stato il primo maggio! La sera prima ho provato ad allentare la tensione con una serenata in cui mi sono cimentato nell’arte a me più congeniale e che mi riesce con più successo (dopo aver smesso tempo fa col calcetto!): il musicante pagliaccio… Tensione distratta per un attimo e tutti a casa per l’ultima notte da single da mamma e papà!

boda4Arrivato il giorno X ci siamo vestiti e profumati, siamo andati in Chiesa per partecipare come protagonisti (gli sposi sono i ministri!) a una celebrazione che è durata due ore o due minuti a seconda dei punti di vista! Dal nostro posto è durata due minuti, tutto è passato (troppo) in fretta: l’ingresso regale della sposa, le raccomandazioni del padre, i magnifici canti preparati alla perfezione da bravissimi cantori, la partecipazione attiva di centinaia di parenti, amici, fratelli di comunità, conoscenti, curiosi, passanti, la specialissima presenza di 15 presbiteri in vesti solenni (tutti con una bella casula dorata), le monizioni sentite dei testimoni (senza un filo di quella straziante adulazione tipica dei matrimoni che fanno degli sposi degli eroi tragici che epicamente si amano contro innumerevoli avversità universali!!), le letture eloquenti (se volete ve le passo), i sette testimoni raggianti, i genitori  bellissimi, i fratelli e i nipotini emozionati, l’omelia magistrale, il sublime canto della benedizione matrimoniale, le preghiere, la pace, il pianto della sposa, la comunione con pane azimo e vino da Cana di Galilea, la danza, le firme, l’uscita dalla chiesa, il riso sulle bocche e sù per aria (neanche a Panama ho visto tanto riso!), il pick-up nero, le foto al lago, la cena, le canzoni intonate e quelle stonate, la torta alla frutta, le lampade cinesi (quasi un flop e quasi a fuoco un albero!), le bomboniere firmate Giovanni Paolo II, il dj italiano che mette musica spagnola, i balli fino a sudare,  i saluti (avrò baciato 300 persone, alcune per diverse volte), le ultime energie spese per raccogliere le forze e le cose rimaste e il ritorno a casa.

la foto7L’uragano ha toccato il culmine e ora cambia la musica. A casa abbiamo trovato uno dei più temuti scherzi da matrimonio preparati da amici (laziali) della sposa (che siano laziali e che siano amici della sposa, ci tengo a precisarlo!): trovare in camera da letto un mosaico di piatti di carta pieni d’acqua, pensavo fosse solo una ipotesi difficilmente realizzabile! Superata questa prova e a parte l’inconveniente della sposa senza scarpe (spose future ricordino di portare le scarpe di ricambio a case nuova altrimenti il giorno dopo uscite, come mia moglie, in infradito) e il marito che deve fare la prima veloce spesa per il pranzo, a parte questo piccolo curioso inconveniente, le cose si sono aggiustate per poter partire per il “viaggio di nozze”. Un viaggio in Messico e Panama che è durato 20 giorni o 20 minuti… a seconda dei punti di vista. Ma di questo parleremo in un altro momento, se mai dovessi trovare 5 minuti (o 5 giorni!) per raccontare le meraviglie che abbiamo visto nel nuovo mondo!

Resta il ricordo acceso, alcune foto e queste poche parole. Restano pochi confetti e alcune bomboniere. Restano molte soddisfazioni e qualche rimpianto. Restano le note di una benedizione che la divina maestà voglia abbondantemente riversare per lunghi anni. Restano i racconti entusiasti degli amici e dei parenti. Resta un nostro grande, anche se insufficente, grazie a tutti voi che avete bevuto con noi il vino della gioia. Resta più curiosità e meno illusioni; più intimità e nuove situazioni. Un cammino da percorrere insieme, nella vità sì, ma concretamente, nella fede, nella (nuova) comunità cristiana che ci accompagnerà attraverso molte gioie e qualche dolore. E per il dolore e i suoi derivati… diceva Viktor Frankl* che non c’è nessun dolore che non possa essere sopportato (e superato) se si ha trovato un senso, un significato, alla propria esistenza. Quindi, senza paura e protesi verso il futuro, continuiamo questo cammino verso la Vita Nuova!

– – –

* Viktor Frankl. Medico psichiatra che ha vissuto nei lager, fondatore della “Logoterapia” e dell’Analisi Esistenziale. Dalla significativa esperienza nei campi di concentramento nacque il suo famoso libro “Uno psicologo nei lager” che in spagnolo ha un titolo meno scontato e più interessante: “El hombre en busca de sentido“. Grazie a mia sorella María ho conosciuto questo libro!😉

boda7

Navigazione ad articolo singolo

11 pensieri su “Quel sí che dà senso: riflessioni post matrimoniali

  1. Blanca y familia in ha detto:

    …puedo decir “Estuvimos alli!”

  2. Isabel Cuartero in ha detto:

    eso! nosotros igual! viva los novios!

  3. juliateresitaméndezchiappetto in ha detto:

    Y yo en el viaje de los novios a Panamá… que bello resumen Migue!
    DIOS SEA BENDITO! , como dicen las monjitas del monasterio de la Visitación
    Sor María Gabriella…

  4. Yaquira MOntenegro Aguilar in ha detto:

    Felicidades, no estuve allí, pero muchas bendiciones. Esto es lo que me maravilla de Dios porque estoy en Sevilla y les vi crecer porque tus Padres fueron mis catequistas itinerantes en Panamá.

  5. Daniel Cuartero in ha detto:

    Una boda expectacular! Que Dios os bendiga!

  6. Paula Harris in ha detto:

    Miguel, gracias por este resumen vivido desde tu punto de vista. Me has hecho reir, llorar, imaginarles en cada momento, pero sobretodo ver a Dios en cada instante!! Que maravilla poder superar el estres, las complicacion, las locuras y preparativos, los inconvenientes que pueden pasar ya incluso en el dia mismo, nada de eso es mas importante que el milagro de vida que se celebra. Es tambien emocionante ver como estan claros en que el matrimonio no es facil, ni siempre feliz, pero puede ser siempre alegre con el favor de Dios.

    Que Dios les bendiga y les siga maravillado cad dia con estas nuevas aventuras y etapas por venir, y que recuerden siempre (sean 20 dias o 20 minutos, 2 horas o 2 minutos, 5 dias o 5 minutos, una vida o un instante) nunca olviden cuanto se aman y lo que les impulso a dar este paso con tanta fe. Son 2 personas maravillosas!!

    Les envio mucho cariño desde Panama!

  7. Pili Cuartero in ha detto:

    Yo no estuve alli pero mande a mis emisarios (hijos) y vinieron encantados. Una ceremonia preciosa. Que tengais mucha FELICIDAD en vuestra vida juntos. Besos

  8. Felicidades Miguel!!! Tremenda celebración!
    Que Dios y Santa María les bendiga siempre!

  9. Confirmo una celebración fantástica! Fue un lugar donde se podía rezar, cantar y alegrarse. Gracias a ustedes. Les deseo lo mejor. Un abrazo grande, cuídense y multiplíquense.

  10. Santo in ha detto:

    Tanti auguri, Miguel!! Che Dio vi benedica!! Se passate da Torino durante il “prossimo viaggio di nozze” saremo felici di ospitarvi …
    La pace!
    Santo

  11. francesca in ha detto:

    Auguri,soprattutto per il futuro,il matrimonio é solo l’inizio!!!! In tedesco il libro ha ancora un titolo piú bello,forde perché l’originale: “Nonostante ció SI alla vita”
    Francesca

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: