Testa•del•Serpente

"Rinunciare a tutto per salvare la testa" • Un blog di Miguel Cuartero Samperi

Grande Missione 100 piazze a Roma: il Papa “E noi, rimarremo a casa?”


missio1Cristo è risorto!” Con questa frase si salutano i cristiani durante i 50 giorni che seguono la Pasqua. Cinquanta giorni che compongono la Pasqua come un unico giorno, un’unica domenica, un’unica festa!

Ma questa frase, più che un saluto è un annuncio, proclamato solennemente nella Santa Notte e destinato a spargersi per il mondo.

Alcune donne appena appresa la notizia corsero a dirlo ai discepoli di Gesù; i discepoli dopo aver constatato personalmente che Gesù era vivo (la tomba vuota e le apparizioni del Risorto) lo urlarono al mondo. E lì dove la loro capacità di apprendimento delle lingue non fu sufficiente, ci pensò lo Spirito Santo che, cinquanta giorni dopo (Pentecoste: dal greco πεντηκοντα, pentekonta “cinquanta”) scese su di loro e li spinse ad uscire per le strade e nelle piazze del mondo.

Anche la chiesa oggi esce nelle piazze delle frenetiche città moderne per annunciare che Cristo è Risorto. Lo faranno (lo faremo) i “pazzi” neocatecumenali, pazzi nel senso buono del termine. Come era pazzo Tommaso Moro di cui l’amico Erasmo elogiò la follia nel libro “Elogio della Follia” (ancora dal greco: μωρός, moròs: folle, pazzo).

callesSì, è proprio così: una evangelizzazione nelle piazze. Niente conferenze, niente libri, niente programmi, niente corsi di aggiornamento… ma un annuncio per strada! Nudo e crudo! Oggi, nella Chiesa, si parla spesso di missione e della necessità evangelizzare è la cosa sembra pacifica, ovvia. Ma mentre parlarne è normale, farlo veramente, sul serio, sembra pazzesco. Perfino per fedeli parrocchiani e per molti preti che probabilmente non l’hanno mai fatto in questo modo così “immediato”.

E allora, sotto la spinta di Papa Francesco comincia la nuova missione popolare: si scende in piazza a dire che Cristo è Risorto agli sconosciuti.

Certo, a pensarci bene è una bella follia. E’ quella che San Paolo chiamava la “stoltezza del Kerygma” (1 Cor 1,21). Ma a pensarci meglio una logica c’è: il nucleo del cristianesimo infatti è l’evento della Risurrezione di Gesù come punto di svolta della storia degli uomini. Tutto è vano se Cristo non è risorto, e se si dubita di questo fatto la fede diventa “acqua di rose” come ha detto il Papa il 3 aprile. Francesco ha poi aggiunto: “Noi crediamo in un Risorto che ha vinto il male e la morte! Abbiamo il coraggio di “uscire” per portare questa gioia e questa luce in tutti i luoghi della nostra vita! La Risurrezione di Cristo è la nostra più grande certezza; è il tesoro più prezioso! Come non condividere con gli altri questo tesoro, questa certezza? Non è soltanto per noi, è per trasmetterla, per darla agli altri, condividerla con gli altri”. Vista così, sarebbe illogico non trasmettere questo messaggio! Come un medico che, in un momento di grandissima emergenza, trovi motivi validi per starsene chiuso in camera mentre fuori le sue conoscenze potrebbero salvare le vite di molte persone in estrema necessità e in pericolo di morte!

Resta il fatto però che, umanamente parlando, annunciare Cristo per le strade nel 2013 ha tutta l’aria di una ridicola pazzia. Lo ha detto lo stesso Bergoglio in una lettera ai suoi fedeli prima di diventare Papa:

“Non abbiamo il diritto di rimanere a casa accarezzando la nostra anima. Di rimanere chiusi nelle nostre cosette… piccolette. Non abbiamo il diritto di rimanere tranquilli e a volere bene a noi stessi… Dobbiamo uscire a parlare a questa gente della città che abbiamo visto nei balconi. Dobbiamo uscire dal nostro guscio e dirgli che Gesù vive, e che Gesù vive per lui, per lei, e dirglielo con allegria… anche se a volte sembriamo un po pazzi”.

“E noi, rimarremo a casa? Rimarremo chiusi nelle parrocchie o nelle scuole? Con tutta questa gente che ci sta aspettando! La gente della nostra città!”

La lettera del Papa è bellissima, esplicita, chiarissima. Leggendola vien quasi voglia di fare le valige e partire per le piazze del mondo ad annunciare il Vangelo ai “vecchietti annoiati”, ai “giovani storditi”, ai “nostalgici”. Cosa faremo ora, che sembra impazzito anche il papa?

Leggi l’articolo su Romagiornale.it

kerygma

Navigazione ad articolo singolo

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: